festa dei comunisti

Aquino, 46esima Festa dei Comunisti

Il 9, 10 e 11 agosto prossimi, in provincia di Frosinone, ad Aquino, si terrà la Festa dei Comunisti. Si attendono, come di consueto, la partecipazione di decine, centinaia e centinaia di comunisti, popolo di sinistra e cittadini. Sia della città che diede i natali a San Tommaso, sia della provincia ciociara che dal Lazio. Oltre gli stand culinari e le istallazioni di tipo politico, grande importanza è data agli appuntamenti specifici per mettere a confronto temi, per proporre indirizzi, per individuare soluzioni.

La prima giornata, venerdì 9 agosto, alle ore 18.00, nella piazza San Tommaso d’Aquino, farà da apripista della Festa un confronto su “Acqua, bene pubblico”. Ad introdurre il tema il segretario della Federazione provinciale del PCI frusinate, Bruno Barbona. La relazione introduttiva sarà a cura del presidente del Comitato “No Acea”, Renato De Sanctis, consigliere comunale a Cassino. Contributi verranno dall’avv. Emiliano Venturi, assessore a Cassino, e da Luigi Vacana, assessore provinciale di Frosinone. Poiché sono noti i problemi che molti cittadini hanno materialmente con le bollette Acea e del consorzio Valle del Liri, potranno intervenire direttamente per chiedere informazioni ed ottenere precise risposte. Alle 21.30 della stessa giornata, a 27 anni dalla strage che uccise Paolo Borsellino, la giornalista Angela Nicoletti intervista Ugo Moro, della Segreteria nazionale del PCI, sul tema “La legalità nel Basso Lazio”.

La seconda giornata della Festa, sabato 10 agosto, alle 21.00, il segretario della sezione PCI di Aquino, Pietro Ferone, svolgerà un intervento su “Aquino, quale prospettiva amministrativa”. Più tardi, alle 21.30, il segretario regionale del PCI Lazio, Oreste della Posta, ricorderà il compagno Antonio Traglia, figura di comunista che nei decenni ha rappresentato i lavoratori e le idee comuniste.

La chiusura di domenica 11 agosto, alle 21,30, si avrà con Anna Maria Di Santo, presidente del CF del PCI provinciale, che introduce al comizio di chiusura di Mauro Alboresi, segretario nazionale del Partito Comunista Italiano. Particolarmente atteso proprio l’intervento del leader nazionale comunista che spiegherà sia il percorso della Ricostruzione del PCI, sia, in modo complementare, la nuova grande iniziativa politica decisa alla recente Assemblea nazionale comunista di costruire un grande Fronte comunista e della sinistra di classe sotto l’indicazione dell’Unità nella Diversità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.