come investire nel 2020

Trading online: come investire nel 2020

Prima di iniziare a operare sui mercati sfruttando l’operatività del trading online, è necessario conoscere le caratteristiche di questa attività finanziaria e capire come funziona.

Fare trading online significa semplicemente fare speculazione sui beni quotati nei mercati, utilizzando la linea internet. Come ogni transazione di mercato il trading prevede l’acquisto e la vendita di beni, la quale è resa possibile attraverso l’utilizzo di piattaforme informatiche.

Le piattaforme sono messe a disposizione degli investitori da specifiche società di intermediazione. Le società di brokeraggio online hanno infatti la capacità di fare da intermediario tra i mercati e gli investitori, operando su ordine di questi ultimi.

La pratica del trading online ha avuto successo durante gli anni ‘90, grazie all’innovazione tecnologica che ha portato alla creazione di una rete internet accessibile a tutti.

Prima di quegli anni le persone interessate a investire o a speculare su prodotti finanziari, dovevano recarsi nella sede fisica di un istituto bancario o di un ente finanziario e, aprendo un conto corrente, delegare le negoziazioni ai tecnici, i quali permettevano operazioni limitate a pochi asset e percepivano delle percentuali fisse sulle transazioni.

Oggi, la pratica speculativa è divenuta quindi più semplice e conveniente. Come spiegato nei siti specializzati, quali edilbroker.it, le piattaforme di trading permettono di effettuare compravendita su una vasta gamma di beni quotati nei mercati internazionali. Per aprire un conto finanziario basta accedere alla pagina web della società di brokeraggio ed effettuare la registrazione online.

Il trading online: operare in maniera autonoma ed economica

Con il trading online, l’utente può accedere in qualsiasi momento alle dichiarazioni di investimento stipulate con il broker, alle dichiarazioni di conferma e ai moduli che trattano eventuali imposte sull’operatività.

L’accesso libero alle informazioni di trading non riguarda solo lo storico personale, ma comprende l’andamento dell’investimento o della negoziazione, che possono essere osservate e modificate in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo elettronico tramite il profilo personale.

Il trader può quindi facilmente inserire ordini di mercato dal proprio smartphone, chiudere o aprire posizioni, controllare lo stato di un ordine, visualizzare le quotazioni dei prodotti in tempo reale e leggere gli aggiornamenti sui movimenti di mercato.

Inoltre, il trading ha ridotto i costi delle classiche operazioni finanziarie. I broker presentano infatti commissioni più basse rispetto ai normali istituti di credito, e questo ha reso i mercati dei capitali accessibili a una gamma più ampia di persone.

Le commissioni sono più basse perché le piattaforme di trading hanno reso possibile l’automatizzazione delle operazioni finanziarie e ridotto il numero delle figure professionali, necessarie in passato, per seguire l’intero iter esecutivo.

In fine, il trading ha ottimizzato le tempistiche con cui le transazioni possono essere eseguite e regolate perché non è più necessario copiare, archiviare e inserire tutto il processo finanziario in documenti cartacei.

Come aprire un conto di trading online

Aprire un conto di trading online è semplice, basterà compilare il modulo online nel sito del broker inserendo i seguenti dati:

  • Un documento di identità valido;
  • Una mail attiva;
  • L’indirizzo di residenza;
  • Una prova di residenza (bollette o contratto di affitto/proprietà).

In alcuni casi potranno essere effettuati dei controlli telematici ai fini di confermare l’identità dell’utente e garantirne la tutela dei dati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.