Il cervello femminile invecchia più lentamente

Il cervello delle donne è di tre anni più giovane di quello maschile

Metabolicamente parlando, anche quando l'eta' anagrafica e' la stessa, il cervello femminile appare circa 3 anni piu' giovane rispetto a quello maschile.

Il cervello delle donne è più giovane di tre anni rispetto a quello degli uomini e, dunque, invecchia più tardi.

Utilizzando la Tomografia e emissione di positroni (Pet), una scansione che dà informazioni sul funzionamento del cervello, è stato misurato il flusso di ossigeno e glucosio nel cervello di 121 donne e 84 uomini di età compresa fra 20 e 82 anni. In particolar modo, i ricercatori universitari si sono domandati in che modo il cervello bruciasse gli zuccheri, quale "carburante" principale. Con il passare degli anni, come è risaputo, la quota di zuccheri metabolizzata a livello cerebrale diminuisce: il processo è chiamato glicolisi aerobica.

Alcuni studi hanno infatti evidenziato che rispetto al cervello degli altri primati, quello della nostra specie conserva per gran parte della vita, un elevato grado di neotenia o di "gioventù": vale a dire che in esso si riscontrano caratteristiche microstrutturali, metaboliche e di trascrizione del DNA del tutto analoghe a quelle del periodo dello sviluppo. L'esperimento è stato fatto anche sugli uomini addestrando l'algoritmo con dati femminili, e ne è emersa un'età cerebrale media di 2,4 anni maggiore rispetto a quella reale. "La differenza media nell'età cerebrale calcolata tra uomini e donne è significativa e riproducibile". Un dato su cui molti ricercatori - e non solo! - avrebbero scommesso, e che ora trova una sorta di certificazione grazie al lavoro degli scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis, negli Usa, che in uno studio pubblicato sull'ultimo numero di Pnas ammettono che, in fondo, man mano che si invecchia le donne rimangono mentalmente più attive degli uomini. LA PET è una tecnica che permette di misurare il metabolismo dei tessuti di interesse, in questo caso quelli del cervello. Nei test, inoltre, il cervello femminile, ha portato risultati migliori di quello maschile in prove mnemoniche, logiche e di risoluzione dei problemi.

Il risultato, basato sulla scansione del cervello di 205 persone, potrebbe spiegare perché le donne tendano a essere meno vulnerabili degli uomini alle malattie neurodegenerative che insorgono con l'età.

Correlati:

Commenti


Altre notizie