Criptovalute, morto Mr Bitcoin, giallo sull'eredità. In fumo oltre 160 milioni

Criptovalute, morto Mr Bitcoin, giallo sull'eredità. In fumo oltre 160 milioni

150 milioni di dollari in bitcoin spariti nel nulla. Ciò che ha destato sospetto è stato il fatto che l'India è nota essere anche una nazione dove è piuttosto semplice acquistare un certificato di morte, permettendo così di fingere la propria sparizione e che il comunicato con cui QuadrigaCX piangeva la morte del suo Ceo sia stato sostituito da quello con cui si comunica la richiesta di procedura fallimentare, come facilmente testabile direttamente cliccando sul tweet che ne comunicava la morte.

I Bitcoin, croce e delizia dei trader del nuovo millennio, sono protagonisti di una storia che calzerebbe a pennello in un'ipotetica nuova stagione di Black Mirror, la fortunata serie tv antologica britannica che esplora e sviscera le paure e le contraddizioni legate alla tecnologia e ai nuovi media. O, meglio, il computer era di proprietà di Gerald Cotten, perché l'uomo è deceduto lo scorso 9 dicembre, ucciso dal morbo di Chron. Dal momento che era l'unico a conoscere la password della sua piattaforma, nessuno da allora è riuscito ad accedervi, a causa di una serie di misure di sicurezza impostate dallo stesso Gerald. Per proteggere le ingenti somme depositate sul sito dai clienti della piattaforma di Exchange, Cotten aveva deciso di non rivelare a nessuno le chiavi di accesso del portale. Criptovalute che, al cambio attuale, valgono circa 150 milioni di dollari.

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. "Il laptop che Gerry usava per gestire l'azienda è criptato e io non ho idea di dove sia la password. Nonostante ripetute e diligenti ricerche, non sono stata in grado di trovarle scritte da nessuna parte". "Il signor McBryan è riuscito a recuperare alcuni dati dai telefoni e da altri pc di Gerry ma non è riuscito ad accedere al computer principale", ha dichiarato sotto giuramento la donna.

Correlati:

Commenti


Altre notizie