Sammy Basso primo operato al cuore invecchiato precocemente

Il mio cuore poteva fermarsi Sammy operato a Roma

"Questo intervento rappresenta un momento di svolta epocale nella storia della mia sindrome", ha spiegato Sammy dopo l'operazione, perché "per la prima volta sappiamo che quando arrivano le complicanze di questa malattia possiamo provare a risolverle". Sammy Basso "è stato operato il 28 gennaio fa, verrà dimesso domani ed è in condizioni eccellenti", ha detto in conferenza stampa il professor Francesco Musumeci, direttore dell'Uoc di Cardiochirurgia, che ha guidato l'equipe multidisciplinare. La malattia, purtroppo rara e non guaribile, causa l'invecchiamento fisico precoce nei soggetti che ne sono affetti, pur non influendo sulle loro capacità mentali.

L'intervento, il trattamento di una stenosi calcifica severa della valvola aortica, normalmente viene effettuato su pazienti anziani. Eccolo che a un giorno dalla dimissione racconta la sua avventura prima di far ritorno a Padova, dove studia biologia molecolare puntando a un futuro da ricercatore: "Quando ho visto la sala operatoria ho pensato, qui mi gioco tutto". Di qui il tentativo di rivolgersi al professor Francesco Musumeci, direttore dell'Uoc di Cardiochirurgia del San Camillo e uno dei maggiori esperti al mondo. Mi sono detto: qui ce la giochiamo tutta. Nel 2005 Sammy, proprio nella speranza che si sentisse di più parlare della sua malattia e intendendo così anche aiutare le altre persone che vivono nella sua stessa condizione, ha fondato la fondazione che porta il suo nome: Associazione Progeria Italiana Sammy Basso. "È stata una scelta molto difficile".

Con un tweet, anche la ministra della Salute Giulia Grillo ha voluto commentare l'esito dell'intervento eseguito al San Camillo sul cuore di Sammy Basso: "Auguri a Sammy Basso, simbolo di resilienza, e complimenti all'equipe dell'Ospedale San Camillo, che ha realizzato il primo intervento al mondo al cuore di un paziente affetto da progeria", queste le sue parole. Abbiamo posizionato la protesi valvolare con un catetere introdotto attraverso l'apice del ventricolo sinistro, l'unica via di accesso alla valvola aortica in questo caso.

Correlati:

Commenti


Altre notizie