Influenza verso il picco. Calabria tra le regioni più colpite

Il picco dell'influenza deve ancora arrivare

Negli ultimi sette giorni 725.000 italiani sono finiti a letto, colpiti dalla malattia, mentre dall'inizio stagione si contano ben 3,6 milioni di casi.

Nella quarta settimana del 2019 il livello di incidenza degli ammalati di influenza è stato pari a circa 12 casi per mille assistiti.

"Si tratta di una situazione che il Veneto fronteggia con un'organizzazione oramai collaudata - ha aggiunto l'assessore alla sanità, Manuela Lanzarin, - rispondendo con efficacia a tutte le necessità, a cominciare dalla capacità di assorbire, con la professionalità dei sanitari e un'organizzazione il più elastica possibile, il pur forte aumento degli accessi ai pronto soccorso".

Le regioni più colpite sono l'Umbria, le Marche, l'Abruzzo, la Campania, la Calabria e la Provincia Autonoma di Trento.

È una influenza dai numeri record e particolarmente aggressiva quella che stanno affrontando quest'anno gli italiani per il periodo invernale.

Il 60% dei casi gravi è di sesso maschile e l'età mediana è di 60 anni. La maggior parte di decessi e casi gravi si è verificato in soggetti di età pari o superiore a 50 anni, e l'84% dei casi risultava non vaccinato. Come riporta il bollettino FluNews-Italia.

In particolare nel 77% dei casi e nell'82% dei deceduti vi erano patologie preesistenti, quali tumori, malattie cardiovascolari o respiratorie, diabete, oppure obesità.

In questa stagione influenzale 2018/2019, prevalgono due virus: l'A-H3N2, rischioso per gli anziani e l'A-H1N1, diffuso di più al Sud. "Non possiamo sapere se questo sia riconducibile a uno spostamento in avanti del picco, che dunque potrebbe arrivare nelle prossime settimane, oppure se i dati di incidenza cominceranno ad entrare entro breve in una fase discendente".

Quanto ai virus, quelli di tipo A sono nettamente dominanti (99,7%) sui virus B. Nell'ambito dei virus di tipo A, i ceppi A (H1N1) pdm09 sono prevalenti (58%) rispetto ai virus di sottotipo A (H3N2) (32%).

Correlati:

Commenti


Altre notizie