Le arance dell'AIRC contro il cancro, ecco dove si trovano a Corciano

Airc, tornano Le Arance della Salute contro il cancro

Sabato 26 gennaio torneranno in 3mila piazze e più di 1000 scuole di tutta Italia Le Arance della Salute di Airc. I ragazzi della Scuola secondaria "Salvo D'Acquisto" parteciperanno alla vendita e il ricavato sarà utilizzato per finanziare i progetti di ricerca svolti nelle principali istituzioni italiane e per assegnare borse di studio a giovani laureati che si vogliono specializzare in oncologia.

Sabato 26 Gennaio, in oltre 3.000 piazze, i nostri volontari distribuiranno le Arance della Salute. L'arancia è presa a simbolo della campagna quale frutto simbolo dell'alimentazione sana e protettiva grazie alle sue straordinarie proprietà. Sono arance rosse italiane che contengono gli antociani, pigmenti naturali dagli eccezionali poteri antiossidanti, e circa il 40% in più di vitamina C rispetto agli altri agrumi. I volontari, inoltre, consegneranno una guida con informazioni sulla prevenzione, insieme a ricette firmate da chef come Moreno Cedroni e Carlo Cracco. Fra questi, quelli che colpiscono bocca, faringe, laringe, esofago, stomaco, intestino, pancreas, fegato, cervice uterina, ovaio, reni e sangue.

Anche il cibo che consumiamo può diventare un alleato per la prevenzione, se insieme riduciamo altri fattori di rischio come la sedentarietà e l'obesità.

Al link che segue trovate le piazze interessate all'evento. Il fumo è il fattore di rischio evitabile che più incide sulla salute. "Attivi dal 1982 - ricorda - siamo riusciti ogni anno di più a organizzare eventi e manifestazioni locali che affiancassero le campagne nazionali aggiungendo il nostro valore in termini di entusiasmo, passione e generosità, così da fare crescere l'intera comunità, ovvero chi combatte la battaglia contro il cancro e chi ne sostiene la lotta". "Investire in comportamenti salutari, cioè niente fumo, alimentazione equilibrata ed esercizio fisico regolare, potrebbe rappresentare il segreto per ammalarsi un po' meno, avere una vita lunga e un invecchiamento migliore". Ecco perché ho scelto di sostenere AIRC e i suoi 5.000 ricercatori ogni giorno al lavoro per costruire un futuro sempre più libero dal cancro.

Correlati:

Commenti


Altre notizie