Fattura elettronica, come si paga il bollo?

Fattura elettronica: novità per migliaia di imprese agricole trevigiane

Le disposizioni del decreto si applicheranno alle fatture elettroniche emesse a partire dal 1 gennaio 2019. Con una percentuale di errore pari al 6%, scarti dovuti nella maggior parte dei casi - spiega l'Agenzia - a errori sostanziali, quelli cioè che avrebbero reso non valida la fattura anche su qualsiasi altro supporto. 27 comma 3 del Decreto Legge n. 98/11 o del "regime forfettario" previsto dalla Legge n. 190/14.

La Repubblica di oggi punta la lente d'ingrandimento sulla fattura elettronica.

Per fare chiarezza, vediamo meglio come funziona. L'obbligo ora è stato ampliato a oltre la metà delle partite Iva registrate. Sono alcuni dei dubbi sollevati dagli operatori a cui l'Agenzia ha fornito delle risposte raccolte all'interno di un'apposita sezione dell' area tematica sulla fatturazione elettronica del sito dell'Agenzia, via via aggiornata con le Faq più comuni. La previsione è di 3 miliardi di fatture emesse durante il 2019.

Per il momento, l'avvio dell'operazione fattura elettronica è andato relativamente liscio: la prudenza è d'obbligo perché con ogni probabilità il carico di documenti che transitano su SdI, sistema di interscambio, è destinato ad aumentare nelle prossime settimane, con il consolidarsi della ripresa lavorativa dopo la pausa per le festività di fine anno, e con l'avvicinarsi delle scadenze IVA di febbraio (entro le quali bisognerà invierà obbligatoriamente tutte le fatture del periodo utile per la liquidazione). Protestano i commercialisti, le associazioni dei consumatori denunciano il "caos fiscale", piccole imprese, artigiani e partite Iva si mobilitano per una petizione affinché il provvedimento venga sospeso.

In questi casi il soggetto emittente, cioè il cedente/prestatore oppure un terzo intermediario, inserisce il solo codice convenzionale 0000000 e il Sdi rende disponibile la fattura elettronica al cessionario/committente nella sua area riservata del sito web dell'Agenzia delle Entrate, rilevando però che, se quest'ultimo è un consumatore finale, gli si dovrà recapitare una copia informatica oppure analogica della fattura elettronica. Se svolgo attività di commercio al dettaglio e un cliente mi chiede la fattura al posto della ricevuta o dello scontrino fiscale, devo rilasciare qualche documento nell'immediato?

Correlati:

Commenti


Altre notizie