Migranti: barca con 51 persone a bordo approda nel Crotonese

Mentre il governo litiga sui migranti di Sea Watch e Sea Eye a Crotone i cittadini salvano 51 persone

Sono stati i cittadini di Melissa, in provincia di Crotone, a sentire per primi le urla dei 51 migranti arrivati nelle coste calabresi con una barca a vela che si è incagliata stamattina a pochi metri dalla spiaggia, di fronte a un hotel della frazione Torre. L'imbarcazione si e' capovolta e le urla nei naufraghi hanno svegliato alcune persone residenti nella zona che hanno allertato i soccorsi.

Fra i primi a raggiungere il posto il sindaco di Melissa, Gino Murgi, che si è attivato con alcuni cittadini nei soccorsi: "I cittadini sono stati stupendi - ha raccontato a Radio Capital - in pochi minuti sono arrivate coperte, vestiti, cose calde".

A bordo dell'imbarcazione c'erano anche donne e bambini. Saranno portati nel centro d'accoglienza per richiedenti asilo di Isola Capo Rizzuto.

"Sono orgoglioso della mia comunità, che ha dimostrato una grande capacità di esternare il bene e di far trionfare la solidarietà".

Il sindaco: "Come si fa ad essere indifferenti davanti a una mamma con un bimbo di tre mesi che implora aiuto?" "Ho visto miei concittadini - ha aggiunto Murgi - togliersi il giubbotto per darlo alle persone bagnate e infreddolite". Ma tutti, qui, si sono prodigati al massimo. Sono orgoglio di come abbia funzionato la macchina dei soccorsi e dell'accoglienza, con grande diligenza e professionalità. "Ma allo stesso tempo è stata una pagina di grande umanità quella scritta dai miei concittadini, e da tutti i rappresentanti istituzionali".

I due sono stati trovati uno nella doccia e l'altro steso sul letto. Il portiere ha comunque assegnato ai due russi una stanza, ma subito dopo ha avvisato i Carabinieri. Sono stati bloccati in un hotel dove avevano preso alloggio per cercare di sfuggire alla cattura. I presunti scafisti verranno processati per direttissima nel pomeriggio per favoreggiamento all'immigrazione clandestina. Nei loro bagagli i carabinieri hanno trovato strumentazione per navigare e denaro.

Per tutto il viaggio, che sarà durato giorni se non addirittura settimane, la barca a vela che ha trasportato i migranti curdi non è stata intercettata da nessuna motovedetta delle forze dell'ordine.

Correlati:

Commenti


Altre notizie