Carige, Governo approva decreto per salvare la banca

Schermata

Il governo dunque interviene e fa scattare il salvataggio con un decreto legge approvato a tempo record.

"L'accordo di oggi rappresenta un nuovo passo nella relazione con Banca Carige che si è nuovamente aggiudicata il bando di gara per il servizio di tesoreria - ha aggiunto il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - Carige è una realtà fondamentale per l'economia della Liguria con cui la Regione ha un dialogo costante". "In modo da consentire all'amministrazione straordinaria di recente insediata - spiega Conte - di perseguire in piena sicurezza il processo di consolidamento patrimoniale e di rilancio delle attività dell'impresa bancaria".

Il Consiglio dei Ministri si è riunito alle 21 di lunedì per una decina di minuti, durante i quali ha approvato il decreto per "disposizioni urgenti per la tutela del risparmio nel settore creditizio". Una vicenda che rappresenta un punto di svolta per il sistema finanziario italiano, non fosse altro che perché l'amministrazione straordinaria imposta dalla BCE è stata la prima riguardante banche italiane.

Sono due le misure più importanti: la garanzia, da parte dello Stato, di emissione dei nuovi bond della banca, e la possibilità di una ricapitalizzazione a carico del Tesoro.

L'obiettivo "è di consentire ai commissari di assumere le iniziative utili a preservare la stabilità e la coerenza del governo della società, completare il rafforzamento patrimoniale dell'Istituto già avviato con l'intervento del Fondo interbancario dei depositi, proseguire nella riduzione dei crediti deteriorati e perseguire un'operazione di aggregazione". E' quanto si legge nel comunicato diffuso al termine della riunione del governo in cui si sottolinea che, "in stretto raccordo con le istituzioni comunitarie, le garanzie previste saranno concesse nel pieno rispetto della normativa in materia di aiuti di Stato". "Saremo sempre dalla parte dei risparmiatori e dei correntisti, sempre".

Considerando poi l'esito in arrivo dello stress test, che considera anche scenari avversi, è prevista poi la possibilità per la banca di accedere, su richiesta specifica, e se la Bce riterrà l'istituto genovese solvibile (come era accaduto per Mps e non per le banche venete), "a una ricapitalizzazione pubblica a scopo precauzionale, volta a preservare il rispetto di tutti gli indici di patrimonializzazione anche in scenari ipotetici di particolare severità e altamente improbabili".

Correlati:

Commenti


Altre notizie