Referendum propositivo, Salvini: "Serve il quorum". Fraccaro: "Decide il Parlamento"

Referendum propositivo, Salvini:

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

Scade oggi il termine ultimo per presentare emendamenti alla legge costituzionale che dovrebbe introdurre il referendum propositivo nel nostro Paese.

E la replica del ministro per i rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta, Riccardo Fraccaro, non è tardata ad arrivare: "Sulle riforme costituzionali la centralità spetta al Parlamento e non al Governo. Saranno le Camere, non il ministro Salvini né il ministro Fraccaro, a deliberare in merito al quorum per il referendum propositivo, con la consapevolezza che le riforme richiedono quanto meno il tentativo di costruire il maggior consenso possibile e di ascoltare tutti, soprattutto le opposizioni". Una proposta firmata sia dal capogruppo 5 stelle Francesco D'Uva che dal presidente dei deputati leghisti Riccardo Molinari e che però, appunto, adesso Salvini vuole modificare: "Coinvolgere i cittadini è fondamentale". Anche se è lo stesso Iezzi a spiegare all'AGI che questa non è affatto una rinuncia dopo che il leader leghista, Matteo Salvini, ieri ha sostenuto la necessità di un quorum contro il rischio che "si alzino in 10 e decidano cosa fare". Poi sono arrivate le parole di Matteo Salvini e così il quorum sul referendum propositivo è diventato necessario per la Lega, quasi imprescindibile. "E, anzi, io sono contento perche' finalmente si sta parlando di questo argomento che per M5s non era neanche da affrontare". "Sul referendum propositivo - spiega Ceccanti - è certo avventuristico non prevedere un quorum minimo".

Stando alle recenti dichiarazioni, però, nonostante la proposta che vede i 5 Stelle favorevoli sia contenuta anche all'interno del contratto di governo siglato dalle due componenti di maggioranza, il ministro dell'Interno non sarebbe d'accordo. Plauso di Salvini, invece, sul taglio degli stipendi dei parlamentari messo in agenda dal M5S: "E' sacrosanto". "E' già successo con decreto sicurezza e stop alla prescrizione". "La legittima difesa è un diritto, diritto alla difesa della vita e alla proprietà che è sacra".

Correlati:

Commenti


Altre notizie