La diretta della conferenza stampa di Sanremo 2019

Claudio Baglioni direttore artistico di Sanremo

Il direttore artistico al secondo giro di boa festivaliero ha ufficializzato i nomi dei conduttori che saranno Claudio Bisio e Virginia Raffaele, mentre i 24 big in lizza per la gara li aveva già svelati nell'arco di Sanremo Giovani del dicembre scorso.

"Ho sempre pensato che gli artisti facciano battaglie sociali per sentirsi cittadini e farsi perdonare il successo, poi, a un certo punto, anche una carriera fortunata ha bisogno di normalizzarsi, si ridiventa cittadini e si gode del privilegio di avere un megafono per far conoscere il proprio pensiero - ha detto Baglioni -".

Presentata oggi ufficialmente la 69esima edizione del Festival di Sanremo. E invece "la classe politica e forse anche l'opinione pubblica hanno mancato: è stato un disastro culturale e gestionale con ripercussioni gravissime: oggi il nostro Paese è incattivito, rancoroso, nei confronti di qualsiasi 'altro', visto come un essere pericoloso".

"Quest'anno ricorre anche il 30esimo anniversario della caduta del Muro di Berlino". In questo contesto al festival di Sanremo, promette il direttore artistico, "ci attaccheremo all'idea del divertimento, della leggerezza e del correrci incontro, come fanno tutti gli eserciti di buona volontà". Infatti Baglioni ha spiegato le regole di ingaggio: l'ospite deve portare qualcosa non prendere.

Inoltre il festival corteggia Checco Zalone. Claudio Baglioni annuncia che ci sarà il palco più grande di sempre e in conferenza stampa, ai giornalisti presenti nella sala del casinò della famosa località ligure, dice: "La prossima sarà l'edizione 69 del festival di Sanremo". "Il 69 richiama anche lo ying e lo yang, l'avvicinamento degli opposti, che insieme formano l'accordo". Temevo che fosse un po' arrabbiata, non era vero. E' bene specificare che per ora siamo davanti solo a dei rumors, alimentati da una battuta di Bisio in conferenza stampa. "Ringrazio molto anche Baglioni, che mi ha voluta nonostante l'anno scorso sia stata un po' scostumata dandogli dell'anziano". Siamo solo all'inizio, cominceremo ora a lavorare, a scrivere simpaticissime situazioni. L'intenzione della mia manifestazione e degli oltre 300 artisti che hanno partecipato era quella di dire: noi siamo preoccupati per il fatto che ci siano viaggi per mare irregolari.

"Già 25 anni fa - ha ricordato - sull'isola si avvertiva quello che sarebbe diventato il fenomeno degli sbarchi, degli arrivi per mare". Io sto aspettando ancora proposte, ma al momento non ce ne sono.

Sul caso della canzone sulla pedofilia non ammessa, quella di Pierdavide Carone e i Dear Jack, Baglioni ha precisato che non c'è stata nessuna censura. "Le canzoni sono musica da fanteria, un'arte povera, ma riescono laddove tante altre cose non ce la fanno: creano una memoria, sono come dei profumi e noi cerchiamo di salvaguardarle".

Correlati:

Commenti


Altre notizie