Cosa ha deciso il governo sulla Carige

Immagine di copertina

Riassumibili nella formula dell'intervento pubblico, con la possibilità di ricapitalizzazione.

Fatto sta che questo governo M5S-Lega ha approvato per Carige le stesse misure a cui sono ricorsi i precedenti esecutivi per mettere in sicurezza altre banche.

Garanzia dello Stato su nuove emissioni di bond o su finanziamenti erogati "discrezionalmente" dalla Banca d'Italia. E possibilità, come ultima ratio, di accedere a una "ricapitalizzazione precauzionale".

"Le misure previste dal decreto forniscono ai commissari un quadro operativo che consente di trarre pieno beneficio dalle opportunità gestionali offerte dall'amministrazione straordinaria", prosegue la nota sottolineando che le norme contenute nel provvedimento "si pongono in linea di continuità con il provvedimento di amministrazione straordinaria recentemente adottato dalla Banca centrale europea".

Soddisfatto il Presidente del Consiglio.

Liguria. Nella notte per Banca Carige arriva il salvagente del governo: l'esecutivo, riunitosi in serata, ha firmato un decreto per concedere all'istituto genovese la garanzia pubblica su eventuali nuove obbligazioni, e apre all'eventualità di una ricapitalizzazione pubblica.

Correlati:

Commenti


Altre notizie