IPhone XS esplode nella tasca di un utente

CuriositàiOSMobile      Un iPhone XS Max prende fuoco nella tasca di un utente americano
     
     
       Di Daniel Aka Iheukwumere-        1 Gennaio 2019       0

Era un po' di tempo che non si sentiva parlare di esplosione di prodotti tecnologici. Producendo tutto in India non si avranno più questi problemi ed Apple potrà mantenere abbastanza bassi anche i prezzi di smartphone più intriganti come l'iPhone X.

I consumatori non sono disposti a pagare anche 1.500 euro per il più costoso degli iPhone, tanto che Apple avrebbe tagliato la produzione del 50% del modello Xs Max. Gli iPhone, nonostante siano elogiati dal colosso di Cupertino, non sono rimasti esclusi dalla faccenda. iPhone X, iPhone 6S, iPhone 7, sono solo alcuni modelli che gli utenti hanno visto prendere fuoco tra le loro mani.

All'inizio infastidito da un forte odore di fumo, l'uomo si è allontanato dai suoi colleghi durante la pausa per togliersi i pantaloni e ha scoperto il suo smartphone caldo, in preda alle fiamme.

La vicenda è stata raccontata e riportata da iDrop News, che spiega anche quali sono stati i successivi provvedimenti del cliente vittima dell'esplosione: Hillard spiega di essersi prima recato in un Apple Store per comunicare l'accaduto e ricevere assistenza, ma senza sentirsi soddisfatto dell'accoglienza. Gli impiegati gli hanno proposto di lasciare il proprio dispositivo per analizzarlo e ottenere così una unità sostitutiva.

A questo punto Hillard, stanco di aspettare e non soddisfatto della soluzione, decide di riprendere il suo iPhone XS Max e di recarsi a casa.

La mossa è anticipata da un nuovo accordo tra Apple e Foxconn per produrre iPhone in India, operazione naturalmente non annunciata né da Cupertino né dal costruttore partner, ma che trapela fa fonti ascoltate da Reuters.

Resta da vedere se e quanto il povero Hillard abbia ancora intenzione di utilizzare lo stesso tipo di dispositivo che gli ha procurato questa brutta avventura: nel frattempo, l'uomo sembra essere intenzionato a procedere per vie legali.

Correlati:

Commenti


Altre notizie