Milan, Conti: "Infortuni terribili, ma ora sono pronto"

A Milanello spunta l'albero di Natale, come da tradizione allestito a Sant'Ambrogio.

Il terzino, reduce da due infortuni e operazioni conseguenti al ginocchio, ha parlato oggi ai microfoni di Sky Sport riguardo alla sua condizione fisico-atletica ed al suo ritorno ormai imminente in campionato, dopo il lento recupero ricco di dolore e fatica. Ho già fatto qualche panchina e sono a disposizione di Gattuso per quando vorrà mettermi in campo. "Di sicuro non ho una partita intera nella gambe, ma qualche spezzone sì". Ecco le sue considerazioni: "Quando sono arrivato qua è stata un'emozione incredibile, indescrivibile, poi ci sono stati questi due infortuni, psicologicamente mi hanno massacrato, ho cercato di nascondere la mia tristezza, ma è stato un anno davvero difficile". Vedi i tuoi compagni soffrire in campo e tu non puoi fare niente per aiutarli. "Mi sono stati molto vicini i tifosi che mi hanno sostenuto in quest'anno nonostante non abbia mai giocato, non smetterò mai di ringraziarli e spero di ripagare la fiducia al più presto".

Calciomarket, Milan c'è la pista Fabregas. Lo scorso anno eravamo un progetto, adesso va meglio. Siamo più uniti rispetto a qualche mese fa. E allunghiamo per raggiungere un posto Champions. Ora il mio obiettivo è quello di tutti i compagni: "tornare in alto con il Milan, in Italia ed in Europa, riportarlo dove merita di stare". In chiusura una battuta su Paolo Maldini, idolo d'infanzia, e su alcuni compagni di squadra: "Maldini mi fa impressione, fino a dieci giorni fa lo osservavo da lontano e mi impressionava". Non riuscivo a parlare con lui dalla tensione, per me era un mito. "I miei compagni? In campo mi hanno impressionato Suso lo scorso anno, per le sue qualità calcistiche, e quest'anno Higuain - ha concluso Conti - perché è un fenomeno in campo ma anche fuori".

Correlati:

Commenti


Altre notizie