Usa, ricoverato per problemi cardiaci tossisce parte del suo polmone

New England Journal of Medicine

Morto per un colpo di tosse. Il caso clinico - senza precedenti - si è verificato in California, dove un uomo si è recato al pronto soccorso del San Francisco Medical Center lamentando problemi cardiaci. Quello che si vede nell'immagine è infatti un grumo di sangue dell'albero bronchiale destro, una delle due reti tubulari principali che trasportano l'aria da e verso i polmoni. L'uomo è arrivato in ospedale, dopo gli accertamenti, è stato sottoposto a un trattamento farmacologico.

Stando a quanto si apprende, l'uomo che soffriva di patologie cardiovascolari, era portatore di pacemaker. Durante la degenza ha iniziato a tossire, e con un colpo troppo forte di tosse ha espettorato un calco intatto dell'albero bronchiale destro.

Secondo i dottori, sarebbe stato affetto da una rara carenza di frazione di eiezione, cioè il termine in cui il sangue viene pompato ad ogni contrazione: la sua era di circa il 50% in meno dello standard.

L'episodio dell'uomo che ha sputato un pezzo di polmone tossendo è stato documentato dalla rivista scientifica New England Journal of Medicine (dai chirurghi dell'Università californiana che avevano preso in carico il paziente). Nel corso della settimana aveva avuto secrezioni di sangue e muco, ma la situazione sembrava essere sotto controllo.

Espellere un intero polmone con un colpo di tosse risulta fisicamente impossibile, tuttavia possono aversi delle lacerazioni che possono portare ad espellere parte dell'organo. Subito dopo il paziente è stato intubato, ma per lui non c'è stato nulla da fare.

Correlati:

Commenti


Altre notizie