Manovra e maternità: le donne potranno lavorare fino al parto

Cambia il congedo di maternità: si potrà lavorare fino al nono mese di gravidanza

Le future mamme che lo vorranno, previa autorizzazione del medico, potranno lavorare fino al nono mese e far slittare i cinque mesi di congedo obbligatorio a dopo la nascita del bebé.

È questo uno degli emendamenti approvati in commissione Bilancio alla Camera. La norma si pone come alternativa a quanto previsto dall'attuale congedo maternità che vieta alle neomamme di lavorare durante i mesi (uno o due) precedenti la data presunta del parto. Viene prorogata anche la possibilità di astenersi dal lavoro un ulteriore giorno in sostituzione della madre.

Sale invece da mille a 1.500 euro l'anno il bonus per l'iscrizione agli asili nido pubblici o privati ed è esteso fino al 2021. Lo prevede un emendamento alla manovra che riformula una proposta della Lega.

Correlati:

Commenti


Altre notizie