Luis Figo, duro attacco a Roberto Mancini

Luis Figo, duro attacco a Roberto Mancini

Non porto rancore, gli auguro il meglio, occupa una posizione importante e spero che la Nazionale possa trovare la giusta direzione.

Luis Figo è stato un giocatore straordinario, elegante, bello da vedere, con una bacheca molto ricca, ha vestito le maglie di Real Madrid e Barcellona, in Italia se lo ricordano bene soprattutto i tifosi dell'Inter, con cui ha giocato tra il 2005 e il 2009. "E' stato importantissimo nei 4 anni che ho vissuto all'Inter".

Il primo in un Inter Fiorentina, quando il tecnico lo mandò in campo a due minuti dal triplice fischio, il secondo nel ritorno di Champions a Liverpool, quando si rifiutò di entrare alla mezz'ora della ripresa dopo un lunghissimo riscaldamento e sul risultato di 1 a 0 per i Reds dopo che già all'andata l'Inter aveva rimediato un brutto 2 a 0.

MORATTI E ZANETTI - Parole al miele, invece, per Massimo Moratti: "È stata una delle persone del mondo del calcio più importanti nella mia carriera, a livello sportivo ma anche a livello personale".

L'AUGURIO SU QUESTA INTER - Infine sull'Inter attuale: "Spero che sia tornato su quella scia, non lo so".

I compagni di squadra - "Zanetti è un amico ed è stato un gran capitano. Ma dove è stato ha vinto: è un buon amico". "È stato bellissimo giocare con lui". E ho avuto la fortuna di trovare un momento importante per la società a livello di squadra e di vittorie. L'atmosfera, quello che è successo: il miglior momento per chiudere la carriera, non mi sarebbe piaciuto avere una festa programmata, meglio così a San Siro. Il calcio? Non mi manca, ho lasciato al momento giusto. Volevo farlo un anno prima, fisicamente e mentalmente saturato, ma è arrivato José Mourinho e volevo lavorare con lui e sono rimasto un altro anno. Ma è un vincitore, peccato non abbia avuto la possibilità di vincere la Champions League o un trofeo individuale importante. Ci sono stati anni difficili dopo aver vinto tanto e dopo l'addio di Moratti. Ora è un'incognita sapere fino a che punto Suning conosca e investa nella squadra. "Però ho fiducia sul fatto che l'Inter possa tornare a vincere e avere una forte organizzazione" le parole a Dazn.

Correlati:

Commenti


Altre notizie