Finali Mondiali Ferrari 2018, l'Autodromo di Monza si tinge di Rosso

Ferrari North America Palermo rischia il... decollo dopo un contatto con Katechis

Lo show. All'ultima giornata delle Finali Mondiali non sono voluti mancare il Chief Executive Officer, Louis Camilleri, il Managing Director della Gestione Sportiva, Maurizio Arrivabene, e il Chief Marketing and Commercial Officer, Enrico Galliera, che hanno premiato i nuovi campioni del mondo del Ferrari Challenge e hanno poi assistito allo show messo in pista da Attività Sportive GT. A dare spettacolo su quattro F60 sono stati Marc Gené, Giancarlo Fisichella, Andrea Bertolini e Davide Rigon che è stato poi anche protagonista della parte di spettacolo offerta da Competizioni GT con le 488 GTE impegnate nel World Endurance Championship e le 488 GT3 protagoniste dell'International GT Open e del Pirelli World Challenge. Riportiamo qui le loro voci e la magica atmosfera rosso Ferrari che ha infiammato il Monza Eni Circuit.

Per la prima volta nella storia della serie (attiva dal 1993) uno dei titoli mondiali in palio è stato vinto da una donna: si tratta di Fabienne Wohlwend, la pilota del Liechtenstein che è riuscita a laurearsi campionessa nel Trofeo Pirelli AM.

Nella serie Europe del Ferrari Challenge le vittorie sono andate al danese Nicklas Nielsen (Formula Racing) e a David Fumanelli (Rossocorsa) per la categoria "Pirelli", doppietta per il britannico Chris Frogatt (Ferrari GB) nella "Pirelli Am", allo svizzero Christophe Hurni (Team Zenith Sion Lausanne) e a Manuela Gostner (Ineco MP Racing) - che raddoppia la vittoria conseguita al Montmelò - nella "Shell", al belga Laurent De Meeus (Ferrari GB) e al turco Murat Cuhadaroglu (Kessel Racing) nella "Shell Am". Pezzo forte conclusivo la finale del Trofeo Pirelli e del Trofeo Pirelli Am con un'imponente griglia con ben 37 Ferrari 488 Challenge. Sono dunque confluiti al Monza Eni Circuit appassionati da tutta Italia, molti dei quali membri dei Ferrari Club presieduti da Mauro Apicella, presente alla manifestazione come "coordinatore della passione". Poi le GT protagoniste alla 24 Ore di Le Mans e nei più importanti campionati a ruote coperte, le F1 Clienti e le XX, oltre a numerose altre vetture di Maranello. Tutte le gare hanno una durata di 30 minuti. " ha affermato il pilota spagnolo "È un onore rappresentare la Ferrari e guidare le F60 in livrea 2018". Questo il messaggio che Arrivabene ha voluto lasciare ai tifosi della Rossa: "Stamattina qualcuno mi diceva: "speriamo per il prossimo anno".

"Non è finita il campionato costruttori è difficile ma ancora aperto, non siamo quelli che molliamo". Il campionato a cui Ferrari teneva di più e quello Costruttori.

"Vi prometto che andremo in Brasile e ad Abu Dhabi per lottare fino all'ultimo giro fino all'ultima curva, voi sarete in macchina con noi". Assenti invece, apparentemente ingiustificati, i piloti ufficiali Kimi Raikkonen, Sebastian Vettel e Antonio Giovinazzi.

Correlati:

Commenti


Altre notizie