Tumori e smartphone, scoperte delle correlazioni

Radiazioni

Anche se è sicuramente emblematico il fatto che - nonostante gli ingenti sforzi - non si sia riusciti affatto a dimostrare un collegamento tra cellulari e incidenza dei tumori nella popolazione.

L'unica evidenza emersa e presentata in maniera "chiara" riguarderebbe una forma di tumore maligno del cuore, che sarebbe aumentato del 5-7% nei ratti maschi esposti alle radiazioni. Durante la gestazione delle madri, i topi sono stati esposti a radiazioni, influenzando la loro crescita embrionale. Le radiazioni emesse dagli smartphone sono ormai da anni indicate come una delle possibili cause di tumore, ma non esistono evidenze incontrovertibili che vanno a confermare questa tesi. Curiosamente, l'esposizione radiazioni andava a abbassare l'incidenza di malattie ai reni che sono la principale causa di morte fra i topi più vecchi. È normale, spiegano gli esperti, che i risultati possano essere diversi tra topi e ratti, e tra maschi e femmine, anche perché ratti e topi sono stati sottoposti alle radiazioni in modo diverso: i ratti sin da quando erano nell'utero; i topi dalla loro quinta settimana di vita.

Uno degli scienziati del National Toxicology Program, John Bucher, ha parlato in merito alla scoperta legata alla correlazione tra cancro e cellulari.

Per evitare problemi è sempre consigliabile seguire pratici espedienti come dormire senza lasciare il telefono acceso vicino al comodino e usare cuffie o auricolari. Infatti, come si legge nel rapporto finale, "è sempre più insostenibile affermare senza ombra di dubbio che i telefonini sono privi di effetti".

Il carico per il cervello di un essere così piccolo non è paragonabile con quello che subisce il nostro corpo. Ma tutti gli studi sono stati condotti su cellule in vitro o su cavie.

Insomma, per capirci qualcosa in più bisognerà iniziare nuovi test. Con la speranza che si concludano prima dell'arrivo della successiva generazione di telefoni, che dovrebbero avere frequenze più alte e meno penetranti. Questo studio presenta invece qualche tipo di correlazione.

Correlati:

Commenti


Altre notizie