Ucciso in Messico, parla il figlio dei 3 napoletani scomparsi: "Morte inaccettabile"

Alessandro De Fabbio

A prima vista sembra che si sia trattato di una vera e propria esecuzione: il suo corpo è stato trovato per strada, dove alcuni sicari lo avrebbero raggiunto sparandogli addosso diversi colpi di arma da fuoco. Alessandro De Fabbio, 32 anni, detto Poppe, anche lui originario della zona tra piazza Mercato e Case Nuove, è stato ammazzato a colpi di arma da fuoco a bordo della sua automobile.

Ad una distanza di circa 350 metri, in direzione est e in un'area spopolata, è stato rinvenuto un veicolo a motore del marchio Honda, grigio, con targhe dello Stato del Messico, noleggiate a Città del Messico.

È giallo, adesso, sulla morte di Alessandro De Fabbio dopo il mistero sulla sorte degli altri 3 napoletani scomparsi.

La vittima era impegnata nella commercializzazione delle motoseghe. Io che capisco il dolore spero con tutto il mio cuore che tu da lassù possa dare tanta forza alla tua famiglia! La notizia è confermata dalla Procura Generale dello Stato di Zacatecas. Il luogo del ritrovamento, fa sapere il quotidiano messicano "Zacatecas en Imagen", si trova ad otto chilometri dalla strada provinciale che da Tepechitlán porta a Teul de González Ortega.

Correlati:

Commenti


Altre notizie