Yemen: morta Amal, bimba simbolo sofferenze della guerra - Yemen

Morta Amal, bambina simbolo di una guerra dimenticata

Ad appena sette anni, Amal Hussain è divenuta suo malgrado un simbolo delle sofferenze inferte dalla guerra alla popolazione yemenita.

L'autore dello scatto che ha fatto il giro del mondo era Tyler Hicks, già premio Pulitzer, nell'ambito di un reportage sulla situazine dello Yemen. Una morte che ha costretto molti governi, compreso quello italiano, ad aprire gli occhi sugli orrori commessi da Riad nello Yemen e che oggi potrebbe quanto meno costringere quegli stessi Paesi a fermare il rifornimento di armi ai sauditi. La sua immagine "riassume davvero come fame e malnutrizione siano diventate una tragedia nello Yemen", aveva dichiarato il fotografo. Sul quotidiano americano si leggeva di una bambina sdraiata sul letto con la madre, con le infermiere che provavano a nutrirla con il latte ma lei lo vomitava ogni volta.

Anche la madre era malata ma dopo giorni di cure entrambe erano state dimesse dall'ospedale per far posto a pazienti più gravi. La giovanissima si è spenta nel campo profughi doveva viveva insieme alla sua famiglia e la sua tragica storia era stata raccontata giusto qualche giorno prima dal New York Times. "Sono preoccupata per gli altri miei figli".

I pesanti costi umani della guerra condotta dalla coalizione a guida saudita in Yemen, ricorda il giornale, sono di recente saliti all'attenzione del mondo in seguito all'uccisione del giornalista dissidente Jamal Khashoggi nel consolato saudita ad Istanbul.

Correlati:

Commenti


Altre notizie