Il pilota italiano Francesco "Pecco" Bagnaia ha vinto il Mondiale di Moto2

Per la quinta volta Luca Marini in prima fila

Sono poche e semplici le prime parole di Francesco Bagnaia da campione del mondo: il pilota dello Sky Racing Team VR46 ha conquistato il titolo in Moto2 oggi a Sepang: "È una sensazione strana da spiegare, ancora non ho realizzato. Luca è stato bravo a vincere, io dovevo puntare a qualcosa di più grande, la mia è stata una gara di controllo". Luca Marini, alla sua terza stagione in pianta stabile nel mondiale e dopo i quattro podi conquistati nel 2018 (due secondi e due terzi posti) riesce a salire sul gradino più alto grazie ad una gara perfetta. Un successo raggiunto al termine di una gara molto agguerrita che ha visto il chivassese partire dal sesto posto e chiudere il gran premio al terzo posto preceduto dall'avversario di Miguel Oliveira che però non è riuscito nell'intento di strappargli dalle mani il primato mondiale.

Il #42 ha controllato la gara, marcando Oliveira e difendendosi dagli attacchi di Mattia Pasini (Team Italtrans), che ha chiuso quarto. In Moto2 già lo scorso anno mi aveva impressionato molto, tanto che sapevo che questa stagione poteva farcela.

"Io e Pecco fra di noi cercheremo di goderci questi momenti soprattutto fino a martedì di Valencia, dopo di quello il nostro rapporto sarà difficile, sono sicuro che sarà fortissimo da subito, sono sicuro che ce la farà anche senza di me", ha scherzato poi Rossi.

Francesco "Pecco" Bagnaia ha ampiamente meritato il titolo, sono infatti ben 8 i successi in stagione. E' stato un vortice, è partita un po' così, ha iniziato a fare risultati qualcuno e gli altri piano piano hanno continuato, per me è meglio, allenarmi da solo sarebbe stato noioso, abbiamo grandi ambizioni per il futuro, ne abbiamo 4 5 che possono diventare campioni in MotoGp.

Correlati:

Commenti


Altre notizie