Borsa: Milano corre con Banco e Fca - Economia

Un operatore di Borsa

Il calo dello spread Btp-Bund a 292 punti base aiuta Bper (+2,6%), Ubi (+2,5%), Unicredit (+1,9%) e Intesa (+1,7%). Nel Vecchio Continente, a 10 minuti dall'avvio delle negoziazioni, il Cac 40 di Parigi segna +1,31% a 5.152 punti; il Dax di Francoforte avanza dell'1,39% a 11.628; il Ftse 100 di Londra registra +0,79% a 7.170. Positivo il comparto automobilistico con Fca che segna +3,77%, Exor +2,49%, Ferrari +1,42%, Cnh +2,38%. Fuori dal listino principale Tiscali sale dell'8,3%, mentre Fullsix cede il 9,7%. Ha chiuso positiva la piazza finanziaria di Tokyo con il Nikkei 225 che ha segnato +2,56% a 22.243 punti.

Intanto diversi i dati macroeconomici che verranno diffusi in giornata. Il Ftse Mib ha toccato massimi ben più alti dei 19.185 punti della chiusura a metà mattina quando l'indice ha toccato i 19.282 punti, salvo poi ripiegare in chiusura. A livello annualizzato l'incremento è dello 0,4% come stimavano gli analisti.

Volano anche le Borse europee, spinte dalle speranze di un accordo tra Usa e Cina che ponga fine alla guerra commerciale avviata dal presidente Donald Trump. A far brillare la borsa milanese hanno contribuito le ottime performance di Mediaset (+4,36%), Stm (+3,25%), sospinte entrambe dal balzo dei titoli tecnologici, Telecom Italia (+2,85%) e in generale le banche, anche se di gran lunga le migliori rispetto alle altre sono state Banco Bpm con un +2,82% e Ubi Banca con un +1,96%. Il tasso sul decennale del Tesoro è in discesa al 3,32%.

Correlati:

Commenti


Altre notizie