Juventus, Allegri: "Napoli e Inter non mollano. Champions? Barcellona favorito"

Riposano tutti tranne CR7 la Juve celebra l'uomo-bionico

La dimostrazione si è vista anche a Empoli, dove abbiamo avuto delle difficoltà: vincere non è mai semplice. Inter e Napoli ci sono dietro, non possiamo assolutamente sbagliare.

Il tecnico ipotizza quindi la formazione anti-Cagliari: "Matuidi e Pjanic giocano, devo decidere il terzo a centrocampo". In porta gioca Szczesny. "Da lontano è meglio Cristiano Ronaldo".

"Quando hai giocatori come Ronaldo, o come Messi, è normale che segnino loro". Chi calcia le punizioni? Inter e Napoli ci sono dietro. Perchè la Juve le ha vinte tutte tranne una ma anche le rivali sono lì: "Stiamo andando forte ma anche quelle dietro". L'Inter paga i punti persi contro Parma e Torino, il Napoli ha perso lo scontro diretto e la differenza sta tutta lì.

Per essere perfetti, cosa manca ancora?

"Innanzitutto cercare di non prendere gol". Abbiamo dei cali di tensione pericolosi che possono farci perdere il campionato. Si vuole anche un pizzico di fortuna.

Bernardeschi è tornato dalla Nazionale con un problema muscolare.

BARELLA - "Lui, come Bernardeschi, Romagnoli, Rugani e altri giovani, saranno il futuro della Nazionale". Khedira e Mandzukic sono di nuovo in gruppo. Spinazzola doveva giocare lunedì con la Primavera, ma poi dopo aver visto il tempo abbiamo deciso di non farlo giocare.

Poi, sulla Champions, Allegri dimostra di avere le idee chiare: "Mi sento l'allenatore di una squadra che può vincere la Champions, ma non è scontato che si vinca". Poi ho avuto fortuna, sfortuna per noi, che hanno vinto loro. Quest'anno la candidata è il Barcellona. Perché basta vedere le partite e non guardarle. Noi siamo tra le prime quattro, però ci vuole calma.

SU BUFFON E IL PSG - "Mi fa piacere che Buffon rientri in Champions, tra l'altro in uno stadio non semplice. Le partite del PSG le vedo in Champions, ha qualità, e il passaggio del turno dipende dalla partita di martedì".

Infine il tecnico dice la sua sul ritorno di Pogba: "Non posso e non voglio parlare di giocatori di altre squadre". Cosa devo rispondere? È un grandissimo giocatore che ha ancora moltissimi margini di miglioramento, ha una carriera davanti e ha da raggiungere il massimo della maturazione. Dobbiamo vincere e prepararci bene alla gara di mercoledì. In Toscana i bianconeri hanno rischiato grosso: salvati da un rigore e da una prodezza balistica di Cristiano Ronaldo, hanno concesso troppo spazio e opportunità di far gol a un avversario che sulla carta era notevolmente inferiore.

Correlati:

Commenti


Altre notizie