ATP Parigi: Fognini-Federer, i ritiri decretano l'ottavo di finale

Roger Federer classe 1981 n.3 del mondo

Quella di oggi è la 22esima vittoria di fila nel circuito per Djokovic che a giugno era numero 22 del ranking ed è il primo tennista a diventare numero uno in una stagione in cui era fuori dai primi 20 dopo 18 anni (nel 2000 Safin passò dal numero 38 al numero 1).

Ben cinque transalpini salutano il torneo di casa, Benoit Paire, battuto dall' ungherese Marton Fucsovics, Lucas Pouille, eliminato dal connazionale Gilles Simon, Jo-Wilfried Tsonga, arresosi a Milos Raonic, Jeremy Chardy, sconfitto da Fernando Verdasco e Pierre-Hugues Herbert, giustiziato da Mikhail Kukushkin.

Successo infine per il russo Daniil Medvedev sullo spagnolo Pablo Carreno-Busta. L'ultimo successo a Basilea è stato il numero 99 per lui, che ora è caccia di un altro titolo. Un ottavo di finale senza scendere in campo, dunque, per lo svizzero e per il sanremese.

Nulla da fare, la partita è finita in un'ora e un quarto con il punteggio di 6/4 6/3 per lo svizzero che è apparso sollevato alla fine come se avesse temuto il peggio e che invece ha risolto la pratica senza nemmeno troppa fatica. A dirlo, dai microfoni di Radio Deejay, è lo stesso fuoriclasse serbo che oggi si è qualificato per i quarti di finale del 'Rolex Masters' di Parigi-Bercy.

Correlati:

Commenti


Altre notizie