Il Brasile che volta pagina

Cronaca dal mondo                  Voto in Brasile vittoria della destra con il 55,7% Bolsorano è il nuovo presidente

Bolsonaro è razzista in un paese con il 40% della popolazione di colore, è contro i diritti di genere nel Brasile del forte movimento femminista e dei matrimoni arcobaleno, è a favore dello sfruttamento dell'Amazzonia contro gli interessi dei popoli indigeni.

Apparentemente, il successo della Presidenza di Bolsonaro dipenderà dalla sua effettiva capacità di far approvare le riforme, più che dalle sue buone intenzioni. La Casa Bianca ha fatto sapere che Trump ha chiamato domenica sera Bolsonaro "per felicitarsi con lui, così come con il popolo brasiliano, per le elezioni di oggi".

Già al primo turno elettorale Bolsonaro si era affermato sul suo avversario, ottenendo il 46,27% dei consensi e superando tutte le aspettative della vigilia del voto, dato che i sondaggi lo davano non sopra il 40%. Ma basta, non vi crede più nessuno!

Lo ha riferito il Tribunale superiore elettorale. E lo ha appena ribadito anche il figlio di Bolsonaro, Eduardo, deputato federale: "Il regalo è in arrivo!". Bolsonaro entrerà in carica come presidente il 1° gennaio 2019 per il periodo fino al gennaio 2023. "E ora, con Bolsonaro presidente, avanti tutta con l'estradizione in Italia del terrorista comunista Cesare Battisti che deve scontare anni di galera per i suoi atroci crimini e che in questi anni ha fatto la bella vita in Brasile difeso dalla sinistra al potere". In tal senso, ha anche parlato di allentare le norme sulla salvaguardia dell'ambiente e ha criticato le agenzie di protezione ambientale del Brasile, mettendo in pericolo il diritto di tutte le persone di godere di un ambiente sano.

Tra i primi a congratularsi con il neoeletto Bolsonaro, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Le incognite, sul futuro del Brasile, sono sempre più numerose. "Il governo bolivariano coglie l'occasione per sollecitare il neo eletto presidente del Brasile per riprendere, come i paesi vicini, il percorso delle relazioni diplomatiche di rispetto, l'armonia, il progresso e l'integrazione regionale, per il benessere della nostra gente", ha scritto Nicolas Maduro in una dichiarazione rilasciata dal cancelliere venezuelano, Jorge Arreaza, sul suo account Twitter.

Il grande obiettivo è quello di promuovere la creazione di nuovi posti di lavoro, aumentare gli investimenti per compensare le perdite del gettito fiscale, come annunciato da Paulo Guedes, il nuovo ministro dell'Economia, l'uomo fidato di Bolsonaro.

Nel suo primo discorso dopo la vittoria, ha promesso di rispettare i principi democratici, ma di voler cambiare la direzione del Paese.

Correlati:

Commenti


Altre notizie