Tumore al seno: troppi grassi nella dieta aumentano le recidive

Breast Center della Asl

Senza dimenticare il ruolo fondamentale della prevenzione che va dagli stili di vita sani, all'adesione agli esami di screening. Seguono il cancro del colon-retto (51.300, erano 53.000 nel 2017), che lo scorso anno era il più diagnosticato e del polmone (41.500, erano 41.800 nel 2017).

Una dieta troppo ricca di grassi aumenta fino al 24% il rischio di recidiva del tumore della mammella. Ed ancora: bastano 150 minuti di attività fisica a settimana (come camminata veloce o giardinaggio) per ridurre del 25% la mortalità per tumore del seno nelle pazienti che hanno già ricevuto la diagnosi rispetto alle sedentarie. Alcune ricerche infatti dimostrano che ingrassare di 5 chili può causare un incremento sino al 13% della mortalità, nonostante ciò sono pochi i pazienti che decidono di eliminare i grassi dalla dieta.

Questa è solo l'ultima delle tante iniziative promosse dalla fedele alleata dei pazienti oncologici "La Danza della Vita" e dalla sua presidente Maria Anedda. Sono, invece, 365 le pazienti con una nuova diagnosi di tumore prese in carico dalla struttura coordinata dal professor Gian Vittorio Campus. Nell'immediato, tuttavia, le sfide riguardano i casi di tumore del seno più difficili da trattare: sono quelli 'triplo negativi', che costituiscono il 15% del totale. "Importanti in questi casi le prospettive offerte dall'immunoterapia in combinazione con chemioterapia - conclude Gori -".

Correlati:

Commenti


Altre notizie