Scossa di terremoto a Napoli

Il sisma registrato dal sismografo del Vesuvio a Napoli

La scossa è stata avvertita distintamente in tutto il Sud Italia, in particolare sulla costa orientale della Puglia, in Calabria, sulla costa orientale della Sicilia ma anche in Campania, con alcune segnalazioni arrivate da Napoli.

Stando ai dati giunti dai sismografi dell'INGV il terremoto ha raggiunto la clamorosa magnitudo 6.8 sulla scala richter con ipocentro a soli 10 km di profondità. Si tratta di un evento sismico molto intenso e la vicinanza dell'epicentro all'isola di Zante fa temere che vi possano essere stati dei danni anche importanti. È allerta tsunami nel basso Adriatico e nel mar Jonio. In questo periodo Zante e le altre Isole Ionie sono ancora frequentate da molti turisti stranieri. Al momento della scossa più forte, avvertita sino ad Atene, in Grecia era l'1,54 per la differenza di un'ora nel fuso orario rispetto all'Italia. Una parete di roccia si è staccata da un costone a Tsilivi.

Correlati:

Commenti


Altre notizie