Università: governo abolisce il numero chiuso a Medicina

Medicina, numero chiuso eliminato: la misura nella manovra

Abolizione test medicina: sì o no? Ecco cosa sapere sul Test di Medicina abolito!

Addio numero chiuso a Medicina? . State già saltando dalla sedia l'abolizione dell'accesso programmato per il Test d'ingresso?

Non ci sarà più il numero chiuso per l'iscrizione alle Facoltà universitarie di Medicina.

Nel 2018 sono 9.779 i posti disponibili a Medicina per studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia, 635 quelli per non comunitari residenti all'estero. Il Ministro Bussetti è poi ritornato sull'argomento per fare chiarezza sull'abolizione del numero chiuso.

Il numero chiuso dipende da due motivazioni interconnesse: da una parte la necessità di garantire un buon livello di preparazione per i nuovi medici, dall'altra la limitatezza dei mezzi per formarli (mancanza di docenti e la necessità di laboratori, strutture, materiali, posti letto-medici per gli specializzandi). La necessità di una alternativa al test d'ingresso è diventata impellente in quanto il numero chiuso è considerato non meritocratico.

Nella nota del Consiglio dei ministri del 15 ottobre terminata dopo le 21 e pubblicata sul sito della presidenza del Consiglio, al punto 22 è stata comunicata l'"Abolizione del numero chiuso nelle Facoltà di Medicina" precisando: "Si abolisce il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, permettendo così a tutti di poter accedere agli studi". In molti però hanno già fatto notare che il collo di bottiglia che riduce il numero di medici disponibili non è affatto determinato dal numero chiuso ai corsi di laurea, bensì dal ridotto numero di borse di studio che vengono bandite dalle scuole di specializzazione da cui i laureati in medicina devono necessariamente passare prima di avere accesso ai concorsi pubblici. Nel comunicato stampa inerente il Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019 - 2021 (disegno di legge), si legge che il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell'economia e delle finanze Giovanni Tria, ha approvato il disegno di legge relativo al bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e al bilancio pluriennale per il triennio 2019 - 2021.

Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.

Correlati:

Commenti


Altre notizie