Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro: unboxing e prezzo italiano trapelato

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle nuove nanoSD svelate ieri da Huawei insieme ai Mate 20

Questo ottobre non smette di regalare interessanti novità al mondo degli smartphone, e quelle presentate oggi sono probabilmente tra le più succulente dell'anno.

I risultati sono interessati, ma non sorprendenti.

"Il Mate 20 Pro è dotato di display da 6,39" con i bordi curvi e un rapporto 19,5:9, sotto al quale è racchiuso il sensore per le impronte.

A dimostrazione dell'attenzione rivolta da Huawei e Porsche Design ai desideri dei consumatori e della volontà di proporre un dispositivo che riscriva gli standard estetici, ecco che anche i dettagli laterali del telefono sono in pelle e conferiscono ancora più carattere e personalità al dispositivo.

La tripla fotocamera è leggermente diversa rispetto a quella impiegata sul cugino P20 Pro. Su Huawei Mate 20 invece è presente un sensore ultra angolare da 16 megapixel con apertura f/2.2, un secondo sensore da 12 megapixel telegrafico ed una lente da 8 megapixel telegrafica. Migliorano anche gli algoritmi di intelligenza artificiale che tengono insieme l'esperienza di scatto e di ripresa dei video (grazie anche alla potenza in più messa a disposizione dalla doppia unità di elaborazione neurale), che stando a Huawei saranno in grado di riconoscere fino a 10 diversi elementi all'interno di una singola immagine e di ottimizzare i parametri di scatto e la post produzione automatica per ciascuno.

HUAWEI Mate 20 Pro dispone di una batteria ad alta densità da 4200 mAh e supporta la nuova HUAWEI SuperCharge da 40W e la carica rapida wireless HUAWEI da 15W, ed anche tecnologia wireless Reverse Charging, che consente al dispositivo di funzionare come un power bank per dispositivi elettronici che supportano la ricarica wireless.

Altre specifiche tecniche che colpiscono di questo Mate 20 X sono anche la batteria da ben 5.000 mAh per garantire sessioni di gioco prolungate ma anche la possibilità di utilizzare un controller da applicare al device per i giochi nonché una M Pen ossia un pennino sensibile a 4.096 livelli di pressione. Anche note come schede NM o nanoSD, si tratta di schede di memoria più piccole del 45% rispetto alla controparte "micro" e che hanno le stesse dimensioni delle nano-SIM (il nome non è stato scelto a caso). "Lo schermo da 6,53" ha una risoluzione inferiore, ha meno ram, non supporta il riconoscimento del volto e le fotocamere sono da 12mpx, 16mpx e 8mpx.

Per ora non si hanno notizie circa il lancio del Mate 20 X in Italia ma altrove lo si potrà acquistare dal 26 ottobre a 899 euro. Nel cambio, gli utenti guadagnano uno slot per jack audio da 3,5 millimetri. Mate 20 Pro nel modello base costerà 1.049 euro; per il Mate 20 si parte da 799 euro con la versione da 6 GB di RAM che sarà venduta a 849 euro.

Debutta sulla scocca frontale il notch, che però come affermato da Huawei sul palco di Londra è significativamente più piccolo rispetto a quello di iPhone XS ed iPhone XR: su Mate 20 raggiunge una lunghezza di soli 8,9 millimetri (quasi una goccia), mentre sul Mate 20 Pro è di 32,8 millimetri.

Il nuovo Huawei Mate 20 X è invece lo smartphone creato dall'azienda cinese per il mercato del gaming, almeno da quanto dichiarato in conferenza stampa.

Correlati:

Commenti


Altre notizie