Papa Francesco: "Abortire? Come affittare un sicario"

Calvarese

Nessuno misuri la vita secondo gli inganni di questo mondo, ma ognuno accolga sé stesso e gli altri in nome del Padre che ci ha creati.

Nella sua catechesi sul quinto comandamento, "non uccidere", il Pontefice ha parlato a lungo dell'interruzione volontaria di gravidanza, in particolare sull'aborto terapeutico. L'ultimo di questi, quello in Pennsylvania, non ha solo costretto il pontefice ad ammettere che il problema degli abusi è al di sopra del controllo della sola Chiesa e quindi a pianificare un cambio radicale nella gestione di simili casi, ma ha anche avuto uno strascico polemico nei suoi confronti dopo le pubbliche accuse dell'ex nunzio degli Stati Uniti monsignor Viganò. Un bimbo malato è come ogni bisognoso della terra, come un anziano che necessita di assistenza, come tanti poveri che stentano a tirare avanti: colui, colei che si presenta come un problema, in realtà è un dono di Dio che può tirarmi fuori dall'egocentrismo e farmi crescere nell'amore. "E' giusto - ha continuato il Papa - affittare un sicario per risolvere un problema?" Espressioni che non dovrebbero sorprendere sulle labbra di Bergoglio, il quale ha sempre manifestato in modo netto e drammatico ciò che pensa sulla difesa della vita usando paragoni mai azzardati dai suoi predecessori. L'accoglienza dell'altro, infatti, è una sfida all'individualismo. La vita vulnerabile ci indica la via di uscita, la via per salvarci da un'esistenza ripiegata su se stessa e scoprire la gioia dell'amore.

Chiudendo il Giubileo della Misericordia, alla fine del 2016, il Papa aveva esteso definitivamente a tutti i sacerdoti la possibilità di assolvere il peccato di aborto e aveva scritto nella lettera "Misericordia et misera": "Vorrei ribadire con tutte le mie forze che l'aborto è un grave peccato, perché pone fine a una vita innocente. Non si può disprezzare ciò che Dio ha tanto amato!". "L'amore con cui Dio ama ogni vita umana". "E questo porta al disprezzo, allo scarto, a uccidere". Smetti di rifiutare l'opera di Dio!

Attacco durissimo di papa Francesco sul tema dell'aborto, questa mattina durante l'udienza in Piazza San Pietro del mercoledì. Ai fedeli italiani, infine, il Papa ha ricordato che "il mese di ottobre è dedicato alle missioni e alla preghiera del Santo Rosario".

Correlati:

Commenti


Altre notizie