Lele Spedicato è fuori pericolo. "È vigile e respira autonomamente"

Lele Spedicato è fuori pericolo. È vigile e respira autonomamente

Ora Lele è fuori pericolo, possiamo dirlo, ringraziando la cura e la dedizione dei medici del "Vito Fazzi" di Lecce che lo hanno seguito e lo seguiranno in ognuna delle delicatissime fasi verso la completa guarigione. Il nuovo bollettino medico recita, infatti, che "Le condizioni di salute di Emanuele Spedicato stanno migliorando". Grazie a tutti quelli che lo hanno sostenuto in questa dura battaglia per la vita!

Emanuele Spedicato, il cantante dei Negramaro ricoverato per un'emorragia cerebrale a metà settembre sta meglio e oggi i medici hanno anche sciolto la prognosi. "È vigile, respira autonomamente, risponde bene agli stimoli e presenta valori buoni in tutti i parametri", si legge nella nota.

C'è ancora un po' da aspettare, a ogni modo, poi, se i progressi continueranno si potrà procedere al trasferimento presso una centro di riabilitazione: "Superata la fase più difficile - concludono dalla Asl - i prossimi dieci giorni saranno fondamentali per i sanitari, che dovranno monitorare accuratamente le condizioni del paziente, al fine di valutare la possibilità di un suo trasferimento in un centro specializzato, così da poter avviare un adeguato percorso di riabilitazione". "Queste tre settimane - racconta la band - sono sembrate lunghissime, quasi quanto una vita trascorsa insieme". Siamo sicuri che questa energia stia contribuendo tantissimo a dare a tutti la forza per reagire, soprattutto alla famiglia che gli è stata sempre accanto.

Era il 17 settembre del mese scorso, quando, il chitarrista della band salentina a causa di un malore improvviso mentre si trovava a bordo piscina nel giardino della sua abitazione, venne trasportato d'urgenza presso il nosocomio leccese.

Correlati:

Commenti


Altre notizie