Terremoto, in due anni in Umbria persi 260 milioni di produzioni

Olio di oliva

"Un pericolo quello della perdita di prodotti di un patrimonio alimentare, culturale e ambientale assolutamente da sventare - sostiene Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria- sia per i produttori che per i consumatori".

Su 80mila metri quadrati di campagna si può passeggiare tra le aziende agricole ed i loro prodotti, salire sui trattori, sedersi a tavola con gli agrichef, montare in sella ad asini e cavalli, ammirare gli uccelli per imparare l'antica arte del falconiere, visitare la stalla con mucche, pecore, capre, maiali, conigli e galline, o entrare nella capanna dei pastori e nelle fattorie didattiche dove i bambini possono imparare a pigiare l'uva, a impastare il pane o a fare l'orto.

Crolla del 38% quest'anno la produzione di olio di oliva Made in Italy che scende ad appena 265 milioni di chili, un valore vicino ai minimi storici colpendo anche l'Abruzzo e la sua forte vocazione olivicola. Nello specifico si tratta in totale di 311 prodotti e razze animali raccolti nel corso di un censimento, curato dall'Osservatorio sulla biodiversità istituito dal comitato scientifico di Campagna Amica.

"Regaleremo alla Città un'occasione unica per conoscere la biodiversità che anima la campagna italiana, offrendo un'esperienza unica e diretta con la Fattoria italiana". I protagonisti dell'accordo hanno aderito al progetto promosso da Coldiretti di realizzare una filiera agricola italiana per difendere la produzione, garantire un utilizzo sostenibile del territorio, valorizzare la distintivita', assicurare la giusta distribuzione del valore tra tutte le parti della filiera, ricostruire un'identita' del sistema Paese e riconquistare quote di mercato.

"Occhio alle frodi, nei mercati di Camoagna Amica garantisce Aprol".

I "Sigilli" di Campagna Amica sono i prodotti della biodiversità agricola italiana che nel corso dei decenni sono stati strappati all'estinzione o indissolubilmente legati a territori specifici ai quali si aggiunge la lista delle razze animali che gli imprenditori agricoli di Campagna Amica allevano con passione. Da venerdì 5 a domenica 7 ottobre sono previsti 2 milioni di visitatori con Coldiretti Marche che ha mobilitato il mondo agricolo marchigiano: sono previste circa 4000 presenze dalla nostra regione nella tre giorni. Dalla patata turchesa abruzzese dalla particolare colorazione violacea anche nella buccia al Formadi Frant del Friuli, vero e proprio testimonial della cucina anti spreco perché preparato mescolando gli scarti di altri formaggi, dalla pera angelica di Serrungarina delle Marche salvata dagli agricoltori custodi al formaggio Montebore piemontese dalla caratteristica forma a coni sovrapposti a formare una piccola torre la cui storia è antichissima, dal mais Spin del Trentino antica varietà coltivata fino ai primi anni '60 e poi quasi sparita che prende il nome dalla particolare forma a uncino del chicco al peperone crusco lucano croccante come una patatina fritta e ancora - continua la Coldiretti - dal conciato romano antico formaggio risalente all'epoca romana che viene ancora oggi fatto stagionare in orci di terracotta alla fagiolina del Trasimeno, caratteristico fagiolo piccolo come un chicco di riso e dal gusto molto delicato che si cuoce senza ammollo. "Sarà allestito il più grande mercato a "chilometro zero" di Campagna Amica, con aree dedicate alla solidarietà per aiutare le categorie più deboli e alle specialità delle aziende agricole colpite dal sisma".

Correlati:

Commenti


Altre notizie