Turchia. Attivista italiano fermato, la Farnesina segue il caso

Turchia, arrestato attivista italiano: voleva seguire processo a gruppo musicale anti-Erdogan

Per lui ancora non sarebbero state formulate accuse ma la situazione è in continuo evolversi.

E' stato fermato mentre si trovava nel centro culturale Idil frequentato da musicisti, artisti e attivisti dove la polizia ha effettuato una retata. Ultime notizie, attivista di sinistra era a Istanbul per processo a band anti-Erdogan 05 ottobre 2018 - agg. Come ricorda ancora Il Tirreno online, per un anno è stato in carcere in Turchia Deniz Yucel, corrispondente del quotidiano tedesco Die Welt accusato di terrorismo per i suoi articoli anti-governativi.

Nel frattempo, la Farnesina ha fatto sapere che: "Il Consolato generale d'Italia a Istanbul, in stretto raccordo con la Farnesina, segue da vicino e con la massima attenzione il caso del connazionale Gianfranco Castellotti, in stato di fermo in Turchia, mantenendosi in contatto con i familiari e le autorità locali".

L'attivista Gianfranco Castellotti è in attesa del processo. Come racconta Il Tirreno, era lì per seguire il processo contro Grup Yorum, un gruppo musicale con oltre 30 anni di attività, accusato di terrorismo a causa delle proprie canzoni e dell'impegno sociale e politico. Probabile, secondo l'avvocato turco che si occupa del suo caso, che sia trattenuto almeno fino a lunedì quando si terrà l'udienza.

L'uomo, che non è stato tradotto in carcere, si trova in buone condizioni di salute e ha a disposizione le medicine che si era portato dall'Italia.

Subito scatta la solidarietà di altri gruppi militanti: "Nella giornata di ieri è stato arrestato a Istanbul il compagno di Massa Gianfranco, insieme ad altri 7 compagni/e turchi. Aveva bisogno a tutti i costi di trasmettere il suo calore umano e il suo spirito combattivo ai militanti rinchiusi nelle celle fredde delle prigioni di tipo F".

Correlati:

Commenti


Altre notizie