Cozze vive contaminate da Escherichia coli: maxi-richiamo in tutta Italia

Cozze in arrivo dalla Grecia, allarme escherichia coli in tutta Italia

L'allarme riguarda le cozze vive (Mytilus Galloprovincialis) provenienti dalla Grecia e già immesse sul mercato nazionale che, da un'analisi effettuata a campione, risulterebbero infetta dell'Escherichia Coli per valori oltre i limiti di legge (fino a 1300 MPN/ 100 g).

E' di ieri, 24 settembre, la notizia di una nuova allerta alimentare. Il Rasff, il sistema di allerta europeo rapido per la sicurezza alimentare, ha lanciato un nuovo allarme indicando che le cozze commercializzate in Italia e provenienti dalla Grecia presenterebbero tracce di Escherichia Coli. L'allerta sembra riguardare tutto il territorio nazionale da Nord a Sud in quanto le cozze vive e contaminate sarebbero già state messe nel mercato. DI pochi giorni fa un altro caso di allarme sempre legato alle cozze. La presenza massiva di Escherichia Coli negli alimenti, in particolare, è rischiosa per l'apparato digerente, capace di provocare nausea, forti crampi addominali, diarrea e vomito. Tuttavia, il ritiro delle cozze contaminate è già stato avviato in tutta Italia in modo tale da tutelare la salute dei consumatori. Purtroppo non si conoscono i lotti delle cozze contaminate dal batterio dell'escherichia coli, che potrebbero essere in vendita nelle grandi distribuzioni ma anche nella vendita al dettaglio. L'invito fatto ai consumatori è quello di evitare il consumo di cozze di cui si abbia contezza provengano dalla Grecia o comunque di farle sottoporre prima ad un controllo specifico, possibile nelle Asl di ciascun distretto italiano.

Secondo Giovanni D'Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, il rischio è che i mitili interessati dal richiamo possano venir messi in vendita al di fuori dei canali legali, mettendo a grave rischio la salute dei consumatori. I molluschi che vengono venduti esclusivamente attraverso "canali autorizzati all'interno di sacchetti con etichette che ne riportano la provenienza, possono essere acquistati in sicurezza".

Correlati:

Commenti


Altre notizie