Napoli, evasione fiscale: 12 indagati, sequestro beni per 8 milioni di euro

Chieti, gruppo imprenditoriale accusato di frode fiscale ultramilionaria

I militari del nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Napoli hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo 'per equivalente' emesso dal gip del tribunale partenopeo, fino al valore delle imposte evase, pari a 8.697.431 euro, costituenti il profitto illecito di una maxi frode fiscale perpetrata nel commercio di calzature e capi di abbigliamento.

Complessivamente, sono state denunciate 11 persone. Inoltre, i soci continuavano a finanziare le aziende con notevoli apporti di capitali, che erano i ricavi scomparsi.

Gli enormi vantaggi consistevano nell'evitare l'imposizione diretta ed indiretta dei corrispettivi realmente ottenuti in capo alle società e la tassazione sulla distribuzione degli utili ai soci i quali sembravano disporre di fondi illimitati.

Il complicato e ben architettato sistema fraudolento è stato scoperto solo grazie alle attività di analisi e ricerca svolte dai finanzieri i quali, avvalendosi delle banche dati in loro possesso e incrociando la mole di dati che ne avevano ricavato, sono riusciti ad individuare e contestare la ingente evasione.

Dagli accertamenti è emerso che i cinque imprenditori legati fra loro da vincoli di parentela avrebbero effettuato continui versamenti nelle loro innumerevoli società, oltre 170 nel periodo che va dal 2005 al 2014, di una entità tale da fare emergere una significativa divergenza tra quanto dichiarato e effettivamente conseguito.Il meccanismo fraudolento è stato messo in piedi avvalendosi di registratori di cassa appositamente modificati che sebbene emettessero regolari scontrini facevano "sparire" gli incassi dalla contabilità.

Oltre 45 milioni di euro non dichiarati e circa 25 milioni di valore della produzione, anche questa non dichiarata.

Nel frattempo gli avvisi emessi dall'Agenzia delle Entrate hanno portato al recupero di somme per oltre 2 milioni di euro.

Nello specifico, sono state denunciate 5 persone in qualità di legali rappresentanti di 7 società di capitali per dichiarazione fraudolenta mediante artifici.

Correlati:

Commenti


Altre notizie