Plusvalenze fittizie: nuovo processo per il Chievo, ma solo a settembre

Tuttosport:

Non è bastato, quindi, l'immediato deferimento-bis per la società e per il patron Campedelli per far svolgere immediatamente il processo, slittato così al 12 settembre, a campionato cominciato ormai da oltre tre settimane.

La vicenda per cui sono stati deferiti i Campedelli e i Cordioli riguarda plusvalenze fittizie nella compravendita dei giocatori finalizzate per "sistemare" il bilancio della società in modo da ottenere la Licenza per l'iscrizione al campionato di Serie A nelle stagioni 2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018. Per il Chievo, invece, c'era stato un rinvio per un errore di procedura: la mancata audizione del presidente del Chievo Luca Campedelli.

Uno scontro tra le due formazioni non solo sul campo ma anche nelle aule del tribunale sportivo, una contesa che ora sembrerebbe essersi spostata anche sul fronte Calciomercato. Il club calabrese, infatti, nei giorni scorsi aveva fatto richiesta alla FIGC di posticipare le prime due giornate di campionato del Chievo affinchè si potesse aspettare il verdetto senza condizionare o avviare il campionato. Cinquanta euro: il prezzo chiesto dal Chievo Verona ai tifosi ospiti della Roma e delle altre "big" per un biglietto intero per le partite del Bentegodi. Negli esposti i cittadini di Crotone chiedono anche l'eventualità di disporre il sequestro cautelare della società Chievo Verona.

Correlati:

Commenti


Altre notizie