"Atti Foa inefficaci", consigliere Rai Laganà scrive a Mattarella

Michele Putrino

Il consiglio di amministrazione della Rai, che si riunisce oggi pomeriggio, non procederà ad eleggere il presidente e, quindi, resterà in carica come facente funzioni Marcello Foa in qualità di consigliere anziano. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, quindi, continuerà lo stallo sulla televisione di Stato. Il cda esaminerà la situazione, prenderà atto dell'assenza della volontà dell'azionista (il ministero dell'Economia e in ultima analisi il governo Lega-M5S) di cambiare nome e quindi non ci sarà l'elezione del presidente. Questo in sintesi il contenuto di una lettera che il consigliere Rai Riccardo Laganà ha scritto al presidente Sergio Mattarella, alle altre principali cariche istituzionali del Paese e al Procuratore Generale della Corte dei conti. "Si esprime, pertanto, - conclude la lettera - la più sincera preoccupazione circa i pericoli prospettati e si invitano sommessamente i destinatari in indirizzo ad attivare gli strumenti politici, istituzionali, giuridici affinché l'organo di amministrazione della Rai dia seguito, in senso sostanziale e non formale, al parere della Commissione bicamerale Rai".

Considerazioni, quelle fatte dal consigliere di amministrazione Riccardo Laganà che per Fnsi e Usigrai sono "pienamente condivisibili".

Correlati:

Commenti


Altre notizie