Facebook e Instagram aiuteranno gli utenti a prendere il controllo del tempo

Quanto tempo spendete su Facebook e Instagram? Presto potrete vedere tutte le statistiche e limitarne l’utilizzo

E per questo Facebook e Instagram hanno deciso di dare agli utenti nuovi strumenti per monitorare la loro permanenza sulle App.

Si tratta di una dashboard delle attività, un promemoria quotidiano e un nuovo modo per limitare le notifiche, con l'intento, a detta di Ameet Ranadive, Product Management Director di Instagram e David Ginsberg, Director of Research di Facebook, di fare in modo che "il tempo che le persone trascorrono su Facebook e Instagram sia intenzionale, positivo e stimolante".

In generale le piattaforme di Mark Zuckerberg stanno cercando di migliorare il modo in cui le persone passano il loro tempo sui social, riconoscendo che il tempo trascorso su di essi è molto e sicuramente è un tentativo apprezzabile.

Il nuovo menu è identico nelle funzioni sia per Instagram che per Facebook e si chiamerà rispettivamente "La tua Attività" e "Il tuo tempo su Facebook", sarà aggiunto quale sottomenu delle impostazioni, in entrambe le app e in entrambi i siti dei social.

Oggi possiamo dunque usufruire del pratico strumento brevettato dal gigante di Menlo Park, con il lancio ufficiale di Time on Facebook e Time on Instagram. "Questi nuovi strumenti sono un primo passo importante e ci impegniamo a continuare il nostro lavoro per promuovere comunità sicure, educate e solidali con tutti". Da lì sarà possibile visualizzare il tempo totale trascorso nella giornata. È possibile anche impostare un promemoria giornaliero per ricevere un avviso quando si raggiunge il tempo che si desidera dedicare all'app. Tramite questo pannello di controllo, puoi anche programmare i promemoria, per evitare di non vedere il passare del tempo quando ti blocchi su Instagram o Facebook. Infine, cliccando su 'Impostazioni di notifica', queste si possono disattivare. L'aggiornamento non è ancora disponibile, ma lo sarà prossimamente.

Nello scorso mese di marzo al Facebook Safety Summit hanno preso parte 100 organizzazioni, ricercatori, esperti e ragazzi, per parlare di questioni che hanno spaziato dalla sicurezza e tecnologia all'influenza del mondo della tecnologia sul benessere delle persone.

Correlati:

Commenti


Altre notizie