Eclissi totale più lunga del secolo: come e dove vederla a Latina

Domani occhi puntati al cielo: arriva l'eclissi di Luna più lunga del secolo - Curiosita'

Per l'occasione, infatti, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Mibac), il Parco Archeologico del Colosseo e il Virtual Telescope Project, gestito dall'astrofisico Gianluca Masi, hanno organizzato a Roma una serata speciale in un palcoscenico naturale unico al mondo: le rovine del Palatino, nei pressi del Tempio di Venere e Roma.

Il clima sarà mite. Per i passeggeri di quel volo uno spettacolo veramente indimenticabile! Soprattutto se lo seguirete in compagnia delle astronome e degli astronomi dell'INAF partecipando a una delle tante iniziative in Italia.

Una eclissi totale di luna avviene quando il satellite della Terra viene oscurato dal cono d'ombra del nostro pianeta, con il sole dalla parte opposta. Tutti sulla stessa linea: Sole-Terra-Luna. Vale a dire che il cono d'ombra prodotto dalla terra è più ampio. Ci sarà tutto il tempo, insomma, per provare a fotografare la luna rossa. #Marte, il Pianeta Rosso lo è, si aggiungerà alla festa.

Conto alla rovescia, venerdì 27 luglio.

Perché la luna sembrerà rossa? Il nostro satellite assumerà un colore rosso sangue causato della luce solare filtrata dall'atmosfera terrestre che andrà a riflettersi sulla superficie lunare.

Il fenomeno si divide in tre fasi: penombra, totale, penombra. Da sempre è indicata come cattivo presagio, senza esserlo, ovviamente. Per coloro che vorranno continuare l'osservazione la Luna sarà nuovamente piena e senza ombre alle 1:28 del 28 luglio. La fase di totalità piuttosto lunga, oltre 100 minuti, comincerà alle 21:40 circa e si concluderà alle 23:00 circa, con un massimo di oscuramento alle 22:30.

Ora, per una prossima eclissi di luna totale (meno lunga, questa volta), gli appassionati di astronomia e i curiosi dovranno aspettare il gennaio 2019.

Il fenomeno sarà visibile, nuvole permettendo, in tutta Italia anche ad occhio nudo.

Muniti di binocoli o telescopi professionali, di macchine fotografiche potenti e treppiedi o della semplice fotocamera del proprio cellulare, migliaia di persone si sono spostate per poter osservare al meglio la luna.

Correlati:

Commenti


Altre notizie