Inter, Asamoah: "Scelta non facile, mi ha convinto il progetto"

Da Asamoah a Spalletti settimana di conferenze ad Appiano

Ho già iniziato a lavorare con loro e mi sento come a casa, sono molto contento di essere qui. Quando è maturata la convinzione che non avresti rinnovato?

C'era anche la possibilità di rimanere lì, ma io ho scelto l'Inter. "Conosco la rivalità tra le squadre, ho scelto questa maglia e sono qui per fare il meglio per questa squadra".

"Ho conosciuto lo staff e chi lavora all'Inter, sono convinto che potremo fare bene".

"Mi hanno convinto il direttore e l'allenatore, questa squadra sta facendo cose importanti. Qui posso ancora migliorare".

"Non ci penso. Sono qui per lavorare e aiutare la mia squadra, non penso di giocare contro un giocatore o una squadra in particolare, devi pensare a tutte le squadre per fare meglio". "Siamo stati ricevuti in maniera perfetta".

"La Champions è una competizione difficile, qualsiasi squadra è temibile". Noi siamo lì per far bene, ma la Champions è diversa dal campionato italiano.

Asamoah ha lasciato la Juventus proprio quando in bianconero sembra ormai prossimo l'arrivo di Cristiano Ronaldo che, se non ci saranno colpi di scena, si ritroverà di fronte quando l'Inter affronterà la Juve nella prossima stagione. Non penso di giocare contro un calciatore o contro una squadra. - "Mi hanno convinto perché abbiamo parlato del progetto di questa squadra: ha un obiettivo". Cosa ti hanno detto? "Sono contento di avere questa nuova esperienza, sono contento di essere qui". A Udine ho giocato a centrocampo, è vero, ma ho giocato quasi tutte le partite a sinistra a Torino. "Il mio ruolo all'Inter dipenderà dal mister, io sono pronto a dare tutto per fare bene qui".

Quando hai deciso di andare all'Inter? L'Inter è pronta a colmare il gap?

"Quello che ho vinto è passato - ha affermato Asamoah in conferenza stampa - Sono qui per lavorare, studiare e fare cose importanti con i nuovi e con chi c'era già". Ti senti pronto per disputare una stagione da titolare? - "L'anno scorso mi allenavo ogni giorno e fisicamente stavo bene". Negli ultimi anni non ho avuto problemi.

"Nessun giocatore può raggiungere gli obiettivi da solo, bisogna essere compatti come squadra e lavorare tutti insieme. Ho scelto questa maglia perché so che posso ancora migliorare e dare tanto". C'è un'opportunità importante per la mia carriera qui ed è per questo che ho scelto i nerazzurri.

Correlati:

Commenti


Altre notizie