Ragazzi grotta Thailandia | Ultime in diretta | Inizia missione di salvataggio

Ragazzi intrappolati nella grotta: muore uno dei soccorritori

Si chiamano Prajak Sutham e Nattawut Takamsai, hanno entrambi 14 anni. "Non c'è altro giorno in cui siamo più pronti di oggi", ha aggiunto.

Il campo all'imbocco della grotta Tham Luang, da dove partono le operazioni di soccorso, è stato sgombrato dagli oltre mille giornalisti tra stranieri e thailandesi, ed è stato montato un telo che impedisce la visuale dall'esterno. Era l'incubo dei soccorritori: la massa d'acqua dei monsoni che per una settimana hanno dato tregua, ma che ora sono pronti a vanificare i frenetici sforzi di evitare le immersioni ai 12 ragazzi molto provati ai 16 giorni dall'inizio di questa odissea. Operazioni assai complicate: due sub scorteranno i ragazzini, uno per volta, per aiutarli a tornare in superficie.

Il governatore locale ha definito i sub che hanno preso parte alle operazioni di salvataggio delle "all-stars" del mondo subacqueo e quelli thailandesi "i nostri cinque migliori in assoluto". Si era unito ai soccorsi nella grotta di Tham Luang come volontario, e contribuiva alla fornitura di bombole di ossigeno per i ragazzi e i soccorritori. Se un uomo amante dello sport può morire nella grotta, è chiaro che le preoccupazioni per l'incolumità dei giovani calciatori in caso di un intervento affrettato sono giustificate. I giovani già fuori dalla grotta saranno trasportati, tramite elisoccorso, negli ospedali della regione. "Voglio rivolgere le mie più sentite scuse a tutti", aveva scritto in una lettera indirizzata ai genitori dei bambini.

Ci sarebbe una finestra di appena 3-4 giorni per salvare i 12 ragazzi secondo quanto riferito dalle autorità thailandesi: le previsioni meteo indicano un intensificarsi delle piogge nei prossimi giorni, con un aumento a livelli torrenziali a partire dalla prossima settimana. Il 13enne identificato come Mongkol Boonpiem è stato portato in elicottero a un ospedale che si trova a 60 chilometri dal sito dei soccorsi, ha reso noto il Bangkok Post.

Si chiama Saman Kunan, uno dei soccorritori impegnati nelle operazioni per portare in salvo i ragazzini intrappolati in una grotta in Thailandia. Le postazioni sono dotate di macchinari per effettuare radiografie e controlli della temperatura.

Thailandia, il videomessaggio dei ragazzi intrappolati nella grotta: "Stiamo bene" Avvolti in coperte isotermiche argentate dicono di stare bene e salutano le famiglie che li aspettano.

Correlati:

Commenti


Altre notizie