Juve, Emre Can: "Sarei contento di giocare con Ronaldo"

Emre Can Alla Juve per la mentalità vincente. CR7? Sarebbe grandioso

La Juventus presenta alla stampa Emre Can: "Khedira mi ha detto che è un club fantastico, sono felicissimo di essere qui". Tornando indietro nel tempo troviamo ovviamente Helmut Haller: in Italia lo aveva portato il Bologna, nel 1968 passò alla Juventus dove rimase per cinque stagioni, segnando 33 gol e vincendo due scudetti. Sono qui per vincere nuovi titoli. Lui è molto contento che oggi sia qui. L'alternativa è sulla pagina Facebook ufficiale della società bianconera, che trovate all'indirizzo facebook.com/juventusfcita.

In attesa del colpo Cristiano Ronaldo la Juventus presenta a stampa e tifosi uno degli acquisti più attesi.

Come ti hanno accolto Allegri e il gruppo? Sono lieto di essere qui. "Ma oggi sono concentrato su di me".

Juventus, Emre Can: "Ecco perché ho scelto la Juve". Germania? Penso che per tutti è stata una grandissima delusione, purtroppo non è andata bene. Infine Sami Khedira: il Real Madrid lo ha lasciato andare, lui ha portato il suo acume tattico e anche segnato 19 gol in Serie A in tre stagioni, con un record personale di 9 nel campionato concluso da poco. Per lui anche giornata di presentazione, queste le sue parole: "Conoscevo la Juventus già da prima, si vede dalla sede e le strutture che è un grande club - ha dichiarato il centrocampista - In questo primo giorno è andato tutto bene. Il mio primo allenatore mi disse che un giorno avrei giocato nella Juve". Voglio aiutare la squadra e fare del mio meglio. Naturalmente il calciomercato della Juventus è ancora all'inizio, e bisognerà vedere cosa succederà da qui a fine agosto; Emre Can però è un rinforzo interessante per Massimiliano Allegri, perchè fornisce il tecnico di varie soluzioni in mezzo al campo e non solo.

Tedesco di origine turca (è nato comunque a Francoforte), Emre Can ha mosso i suoi primi passi nel Blau-Gelb - squadra della città - prima di venire notato dall'Eintracht. Poi verrà la Champions.

"Tutti i giocatori mi hanno dato una caloroso accoglienza, chiedendomi anche come stavo dopo l'infortunio". Ho avuto un grande rapporto con lui, nessun problema.

Correlati:

Commenti


Altre notizie