Caos Ryanair: maxi sciopero il 25 luglio, centinaia di voli a rischio

Un aereo Ryanair

L'ondata di scioperi di Ryanair arriva anche in Italia. Ad annunciarlo sono i sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti. L'annuncio è stato comunicato da Filt Cgil e Uiltrasporti, che hanno spiegato che la protesta si inserisce nel quadro di agitazione che coinvolgerà il personale della compagnia irlandese anche in Belgio, Portogallo e Spagna. Insomma i sindacati sono di nuovo sul piede di guerra. Mentre in Italia lo sciopero del personale di volo di Ryanair sarà solo per la giornata di mercoledì 25 luglio, in Belgio, Portogallo e Spagna la protesta si estenderà anche a giovedì 26 luglio "contro l'approccio della compagnia irlandese verso i propri lavoratori".

"In Italia rappresentiamo la grande maggioranza di piloti e assistenti di volo Ryanair ed è inaccettabile che la compagnia, nonostante le sentenze della magistratura ed a dispetto dei più elementari diritti costituzionali, continui a preferire unilateralmente interlocutori minoritari".

Per il 25 e il 26 luglio 2018 [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, - Ladyblitz clicca qui -Cronaca Oggi, App on Google Play] i piloti e gli assistenti di volo della RyanAir hanno indetto uno sciopero in diversi paesi europei. "La nostra battaglia di civiltà, legalità e dignità per i lavoratori e le lavoratrici di Ryanair non si fermerà fino a che la proprietà della compagnia non comprenderà che l'approccio sinora tenuto dal management è contrario agli interessi degli azionisti, dei dipendenti e dei passeggeri", concludono. Il Corriere della Sera, che per primo ha accolto il botta e risposta tra dipendenti e azienda, ha calcolato che potrebbero essere cancellati circa 400 voli in partenza dall'Italia, creando disagi a migliaia di passeggeri che potrebbero dover addio alle vacanze o che potrebbero essere costretti ad arrivare in ritardo alla propria meta. Sono 34 le richieste da parte del personale a RyanAir: si va dalla richiesta di non far pagare più divise, cibo e acqua, alla critica alla competizione interna su chi vende più prodotti a bordo dei velivoli fino ai permessi per malattia.

Correlati:

Commenti


Altre notizie