Entro agosto via flat tax e pace fiscale

Il viceministro dell’Economia Massimo Garavaglia

Lo annuncia il viceministro all'Economia Massimo Garavaglia, nel corso dell " Intervista' di Maria Latella su Sky.

"Penso sinceramente che qualcosa si possa fare subito nel 2018, in particolare per le imprese".

E se la sede per affrontare il tema sempre caldo delle pensioni, con la revisione della legge Fornero, sarà "di sicuro la legge di Bilancio", sul fronte del fisco qualcosa va fatto subito, e bisogna andare oltre le ulteriore semplificazione di spesometro, redditometro e studi di settore che dovrebbero trovare posto nel decreto ribattezzato 'dignità' di Luigi Di Maio. Si tratta dell'identikit di un provvedimento già varato dal governo Renzi-Padoan e che scatterà il 1° gennaio del prossimo anno: è la cosiddetta Iri (Imposta sul reddito delle imprese), definita allora flat tax per le microimprese, spesso a conduzione familiare, una tassa "piatta" che riguarda le piccole aziende (come il droghiere e l'artigiano, tecnicamente "imprese individuali" o "società di persone") che attualmente pagano l'Irpef e che potranno optare per la nuova Iri al 24 per cento sugli utili reinvestiti. E di lì si può partire per "fare molto, già prima dell'estate, mi auguro entro agosto". Il Pd "che ci critica tanto", osserva peraltro l'esponente della Lega, "ha messo in piedi un sistema abbastanza ben fatto per le partite Iva", sistema che di fatto è appunto già di 'flat tax'.

In ogni caso, assicura Garavaglia, non si tratterà "assolutamente" di un condono.

Correlati:

Commenti


Altre notizie