Le decisioni dell'Uefa su Roma e Inter. Il comunicato

GdS | Fair play finanziario, la sentenza della UEFA, l’Inter…

La Camera Investigatoria considera parzialmente soddisfatti gli obiettivi fissati per l'Inter per la stagione 2017/2018. Per questo, le misure condizionali come le restrizioni sui trasferimenti e le limitazioni del numero dei giocatori, non saranno revocate e continueranno a essere applicate per la stagione 2018/2019. Rimandati, invece, i nerazzurri sotto "settlement" anche per la prossima stagione di coppe, con restrizioni sportive e finanziarie.

La Roma esce dal regime di "settlement agreement" da parte della Uefa: così la Camera di controllo della commissione per il financial fair play dell'Uefa promuove i conti della società giallorossa.

La prima conseguenza è che Ausilio e soci saranno anche per la prossima stagione vincolati dall'obiettivo del pareggio di bilancio, e questo potrebbe ridimensionare ancora una volta i piani dell'Inter per il calciomercato, obbligando magari la società ad una cessione eccellente per poter sostenere un mercato che, anche quest'anno, dovrà essere auto-finanziato. Stessa storia per il Trabzonspor, mentre per il Fenerbahce il regime di settlement agreement varrà fino al 2019-20.

Come spiega l'Equipe, infatti, tutti i contratti con partner commerciali del Qatar (Qatar National Bank, Ooredoo Tunisia, Bein Sport, Qatar Tourism Authority, Aspetar) sono stati esaminati e sono stati significativamente svalutati per quanto riguarda i conti relativi ai fini del FPF. L'Inter infatti aveva l'obbligo di far calare gli ammortamenti, in base all'accordo con l'Uefa: tuttavia, i numerosi acquisti delle ultime stagioni (come Joao Mario e Gabigol) non hanno permesso al club di rispettare gli obblighi, con gli ammortamenti che invece che diminuire sono cresciuti.

Correlati:

Commenti


Altre notizie