Gp Canada: Verstappen beffa tutti nelle terze libere | Formula 1 | Motori

GP del Canada, Vince la Ferrari di Vettel davanti alla Mercedes di Bottas

Daniel Ricciardo e Romain Grosjean sono riusciti a sfruttare al meglio la strategia per recuperare posizioni rispetto alla partenza. I due si toccano, e la Toro Rosso finisce letteralmente per camminare sui muri.

Entusiasta anche Maurizio Arrivabene, team principal Ferrari: "Sebastian ha guidato bene, ma ha anche avuto una gran macchina".

Gli ultimi 30 giri sono praticamente una formalità, con le posizioni che rimangono congelate fino alla bandiera a scacchi nonostante qualche sussulto nei giri finali.

"Le diverse scelte strategiche in qualifica hanno decisamente influito sul risultato di gara: quasi tutti i piloti hanno optato per un solo pit stop, seppur con diverse tattiche, aiutati anche dal periodo iniziale di safety car e dai livelli di usura e degrado, generalmente bassi su questo circuito".

La gara è stata appena meno noiosa del Gran Premio di Montecarlo, che aveva sollevato le proteste dei piloti per la sua piattezza e assenza di emozioni. Fortunatamente i due piloti sono usciti illesi dall'accaduto ma ancora una volta il primo giro a Montréal ha riserbato un brutto incidente per i piloti di metà gruppo. Il numero 5, li davanti, semplicemente sta volando.

Il primo giro della gara di domenica ha regalato molta suspense ma anche molta preoccupazione. Mai così in difficoltà nel Gran Premio 1 del Canada. A stupire in negativo, oltre alla prestazione generale della W09, è stata la performance di Lewis Hamilton.

Una gara straordinaria, indimenticabile, che riporta la Ferrari a trionfare in Canada, 14 anni dopo l'ultima vittoria, con Michael schumacher, nel 2004. "Possiamo sicuramente sorpassare, quindi avremo sicuramente più possibilità". Tutt'altro spartito viene suonato dal collega della Mercedes Toto Wolff, laconico nell'analizzare la sconfitta delle Frecce d'Argento a Montreal: "L'unica sensazione che ho è che dobbiamo svegliarci". In classifica Vettel torna in testa al Mondiale, con 1 punto di vantaggio su Hamilton e 35 su Bottas. Peggio del "nero" (ovviamente) solo uno... Niente di stabilito ma il fatto di avere anche Verstappen e Ricciardo nella lotta per la vittoria, potrebbe rivelarsi come un ago della bilancia importante in ottica mondiale. Dobbiamo ancora lavorare, la stagione è lunga e dovremo cercare di prendere tutti i punti possibili. E invece cosa succede? E a questo punto torna "sempre la solita domanda" (vorrà pur dire qualcosa): è il caso di farlo questo benedetto rinnovo al finlandese?

Dopo 17 anni, nella pista dedicata a Gilles Villeneuve, domani - quando in Italia sarà già calata la sera - la Ferrari partirà davanti a tutti. Kimi ha sempre aiutato Seb... La verità però è che Raikkonen, quando serve, semplicemente "non c'è mai".

Correlati:

Commenti


Altre notizie