F1, Gp Canada: Vettel vince e torna in testa al Mondiale

Ferrari motore nuovo e l'ispirazione di Villeneuve così Vettel è in testa al Mondiale

"La macchina e' stata fantastica, nessun problema con le gomme, al primo stint ho aperto un gap di 4-5 secondi su Bottas e poi ho gestito la gara - racconta Vettel in conferenza stampa - Ma e' stato difficile, col traffico e' sempre difficile rimanere concentrati pero' venerdi' era quasi un disastro, sabato e' andata molto meglio e la macchina e' stata super in qualifica e in gara". Dopo le due vittorie consecutive di inizio mondiale il campionato degli uomini di Maranello aveva preso una strana piega: incidenti, calo di rendimento dovuto alle ormai famose gomme con battistrada dallo spessore ridotto impiegate in Spagna, il ritorno alla competitività della Red Bull. In Canada la Ferrari torna a festeggiare, interrompendo un digiuno di vittorie che sulla pista intitolata a Gilles Villeneuve durava dall'ormai lontano 2004 quando a trionfare fu, manco a dirlo, Michael Schumacher.

Il pilota della Ferrari - in Pole in Canada 17 volte dopo Schumacher - ha segnato il tempo di 1'10 " 764, precedendo di un niente Valtteri Bottas (+0,093) e Max Verstappen, con il terzo tempo a 0,173. Macchine distrutte e gara finita per i due, con immediato ingresso della safety car che però non ha inciso su una gara appena cominciata. La Ferrari è una grande squadra ma serve anche un grande pilota.

Alla lista manca la Honda: "la prestazione di Brendon Hartley con la Toro Rosso, 12esimo in griglia a 1" 8 da Vettel, testimonia che i 27 cavalli in più che i giapponesi avevano visto al banco, in pista, almeno per ora non si sono visti. Il quale lascia il Nord America in testa alla classifica mondiale, con un punto di vantaggio su Hamilton. L'inglese al rientro in pista ha una indecisione, Ricciardo fiuta la chance e si ferma nello stesso giro rientrando proprio davanti alla Mercedes. I ragazzi da giovedì hanno fatto un gran lavoro e questo è il risultato. Al termine la classifica di gara recita: Vettel, Bottas, Verstappen, Ricciardo, Hamilton e Raikkonen. Adesso Vettel è di nuovo leader del mondiale. Così, finisce subito una corsa che avrebbe potuto dire molto per lui. In nona posizione abbiamo la Force India di Esteban Ocon, mentre in decima c'è un ottimo Charles Leclerc che c'entra ancora una volta la zona punti per l'Alfa Romeo Sauber. Vedere i risultati del più esperto compagno Ericsson per credere.

Quarta prestazione per il campione del mondo Lewis Hamilton, in ritardo di +0,232, davanti all'altro ferrarista Kimi Raikkonen, quinto, a 0,331. Sarà l'occasione per scacciare certi fantasmi o per confermare che, comunque vada, sarà dura fino alla fine.

Correlati:

Commenti


Altre notizie