Diritti Tv, le offerte non raggiungono la quota minima (1,1 miliardi)

Diritti tv Serie A: Mediapro si sfila, offerte da Sky, Mediaset e Perform

Nessun operatore poteva acquistare tutti i tre pacchetti: Sky ha acquisito i due più pregiati e Perform il terzo, e il bando prevede la possibilità di accordi di 'ritrasmissione'. Il ricavo totale, contando anche la cessione dei diritti all'estero, è di un miliardo e 400mila euro, più una parte variabile di circa 100 milioni in funzione di ricavi e abbonati dei due operatori. Riparte "90° Minuto". Siamo riusciti a ottenere maggior elasticità per le trasmissioni in chiaro. Ho chiamato poco fa il direttore generale della Rai per comunicarglielo, ma non mi ha risposto. Anche per i prossimi tre anni la storica trasmissione della Rai andrà in onda.

Gaetano Micciché, presidente della Lega di Serie A, ha parlato dopo l'assegnazione dei diritti tv a Sky e Perform. Si attendono conferme ufficiali. La somma delle proposte non ha raggiunto la quota minima di 1,1 miliardi (452, 408 e 240 milioni per i differenti bouquet televisivi). Le offerte sono state migliori rispetto a quanto ci aspettavamo. Ora non c'entra, siamo qui per parlare di diritti tv. I rappresentanti del Biscione hanno abbandonato la sede della Lega Calcio Serie A a Milano, dove sono in corso le trattative. È infatti scaduto questa mattina il termine per la presentazione delle offerte, a cui poi farà seguito l'apertura delle buste. Entro le ore 20 la Lega serie A assegnerà i diritti televisivi del campionato del triennio 2018-2021.

Correlati:

Commenti


Altre notizie